Seleziona Pagina

GIOCANDO CON LA GRAVITÀ – CENTO PAROLE

GIOCANDO CON LA GRAVITÀ – CENTO PAROLE
Nuovo drabble, oggi dalla penna di Gio Bhumi, già autrice di altri due drabble, pubblicati su queste pagine: La tribù malhumorada e Urubamba.

Il protagonista di oggi è un bambino a cui non piacciono i giochi con la palla. Proprio di nessun tipo.

t.c.b.

 

 

Giocando con la gravità, di Gio Bhumi

 

A Max non piacevano i giochi con la palla. Di nessun tipo. Né football, né tennis, né ping pong, né basket, né baseball, né golf. E c’era un motivo.
Da piccolo era un bravo giocoliere, ma un giorno, stanco di giocare da solo, aveva lanciato nel cielo tutte le sue palline e nessuna era ricaduta a terra.
“Com’è possibile?” si era chiesto.
Una voce dal centro della Terra, con solenne gravità, aveva risposto: «Se ti sei scocciato di giocare con me, non giocherai più con nessuno».
«Ma io ho sempre giocato da solo!»
«No, tu hai sempre giocato con me!»

 

 

Il racconto Giocando con la gravità” è World © di Gio Bhumi. All rights reserved.

 

(Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto fantastico di cento parole)

 

 

GIOCANDO CON LA GRAVITÀ – CENTO PAROLE

Una tavola tratta da “Bosch. L’avventura magica del giovane artista, il berretto, lo zaino e la palla”, di Thé Tjong -King

 

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo e il romanzo dagli spunti fantascientifici “Mondotempo” (Watson Edizioni, collana Andromeda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner