Seleziona Pagina

BAMBOLE – CENTO PAROLE

BAMBOLE – CENTO PAROLE
Oggi il drabble ci viene da Roberto Pastene. Chef in un ristorante di Genova, da sempre ha scribacchiato di fantascienza. All’attivo ha un racconto autopubblicato sotto pseudonimo di Stiv Carriola, “Et consumimur igni”. Per la cronaca, il titolo proviene da un periodo più lungo, “In girum imus nocte et consumimur igni”, che tradotto dal latino significa: Giriamo in tondo nella notte e veniamo consumati dal fuoco. È un palindromo, cioè una sequenza di caratteri che, letta al contrario, dà sempre lo stesso significato. Durante il Medioevo, a questa frase era attribuito un potere magico: trascritta e poi bruciata avrebbe aperto le porte alla scoperta della pietra filosofale.

Lettore onnivoro, Pastene ha una predilezione per la fantascienza, i gialli, la storia del Novecento, saggistica di vario genere.

T.C.B.

 

Bambole, di Roberto Pastene

 

Notte gelida, il vino ci accese e il bersaglio era Johnny che diceva di essere stato rapito dagli Ufo. Rientrai il più tardi possibile perché nessuno aspettava a casa. Sul sentiero tra i pini una luna enorme mi inghiottì. Mi risvegliai nudo e semi vestito di pizzo. Perché?!
Ero in una catena di montaggio: ci stavano trasformando in bambole, il prodotto finito era ammonticchiato laggiù, inscatolato e prezzato. Raggiunsi la finestra tonda e capii: stelle e pianeti. L’extraterrestre aveva preso me, voleva vendermi in qualche outlet galattico. Avrei voluto essere come Johnny, tanto strano da essere rispedito giù.

 

Questo racconto è World © di Roberto Pastene. All rights reserved.

 

(Partecipa alla rubrica Drabble!
Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto di cento parole)

 

Nell’illustrazione, una elaborazione grafica dell’Autore

 

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo e il romanzo dagli spunti fantascientifici “Mondotempo” (Watson Edizioni, collana Andromeda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner