Seleziona Pagina

Annunciato il futuro della saga di Star Trek

Annunciato il futuro della saga di Star Trek
L’articolo relativo a Star Trek: Strange New Worlds e i suoi fratelli qui presentato da Sergio Giuffrida è stato suddiviso in due puntate: oggi la prima parte e domenica prossima, 30 giugno 2024 potrete leggere la conclusione. Questo per permettere una lettura completa di questo intervento molto interessante, ma piuttosto lungo.

 

Dall’Accademia della Flotta Stellare ai nuovi film e all’importante ruolo della star Michelle Yeoh, ecco come la prestigiosa rivista specializzata Variety racconta l’evoluzione del celebre franchise che compirà sessant’anni nel 2026. Una pianificazione mirata a conquistare le menti e i cuori della prossima generazione di fan.

Non posso credere di poter interpretare il capitano dell’Enterprise.”

Star Trek: Anson Mount

Anson Mount è seduto di fronte a me in uno dei teatri di posa di Toronto per la serie della Paramount+ Star Trek: Strange New Worlds, ambientata negli anni in cui il suo personaggio, il capitano Christopher Pike, guidava la leggendaria astronave della Federazione con un giovane Spock e Uhura.

Stiamo parlando sull’elegante plancia dell’Enterprise e Mount sta raccontando l’esperienza fuori dal corpo che ha avuto la prima volta che si è seduto sull’iconica sedia del capitano. “Ho avuto questo flashback immediato quando giocavo a ‘Star Trek’ da bambino,” dice. “Non credo che passi giorno in cui a un certo punto non mi fermo e penso tra me e me: ‘Ehi, sto veramente lavorando a Star Trek’, cazzo.’“

Strange New Worlds è la dodicesima serie di “Star Trek” dal suo debutto nel 1966 su NBC, che introduce la visione di Gene Roddenberry di un futuro pieno di speranza per l’umanità.

Nei 58 anni successivi, la galassia di “Star Trek” ha registrato 900 episodi televisivi e 13 lungometraggi, per un totale di 668 ore – quasi 28 giorni – di contenuti.

Anche rispetto a “Star Wars” e all’universo cinematografico Marvel, “Star Trek” rappresenta l’unica impresa narrativa in grado di offrire un’unica esperienza narrativa per così tanto tempo attraverso la TV, il cinema e la multimedialità in genere, specie considerando anche le web serie e i game.

In altre parole, “Star Trek” non è solo un franchise. Come dice Alex Kurtzman, che ne supervisiona tutta la produzione televisiva, “Star Trek è un’istituzione.”

Senza una costante infusione di sangue nuovo, però, le istituzioni rischiano di svanire nell’oblio (come, MySpace, Blockbuster Video). Mantenere prospero “Star Trek” ha significato tracciare un percorso variato per soddisfare i fan che lo hanno alimentato per decenni, scoprendo sempre modi innovativi per coinvolgere nuovo pubblico.

“Fare ‘Star Trek’ significa che devi fornire qualcosa che sia del tutto familiare e del tutto fresco allo stesso tempo,” afferma Kurtzman.

Adempiere a tale mandato non è mai stato così vitale per Paramount Global, che ha bisogno che il franchise prosperi, mentre la società compete in un’economia dello streaming travagliata e ne aumenta il valore per i potenziali acquirenti. “Lo prendiamo molto sul serio,” afferma David Stapf, presidente di CBS Studios. “‘Star Trek’ è uno dei franchise più apprezzati e da coltivare tra tutti i media.”

Il franchise ha sicuramente superato i suoi periodi di magra, più recentemente dopo il debutto nei cinema di “Nemesis” nel 2002 e UPN ha cancellato “Enterprise” nel 2005.

Ci sono voluti 12 anni perché “Star Trek” tornasse in televisione con la première di Discovery, nel 2017; da allora, tuttavia, in TV c’è stato più “Star Trek” che mai: la serie d’avventura “Strange New Worlds,” la commedia animata “Lower Decks” e la serie per bambini “Prodigy” sono tutte in diverse fasi di produzione, e il thriller serializzato “Picard” si è concluso (seguitissimo) lo scorso anno, classificandosi, insieme a “Strange New Worlds,” tra le 10 serie di Nielsen in streaming originali, più viste. Secondo la società, quasi un abbonato su cinque sta guardando negli Stati Uniti almeno una serie di “Star Trek,” e più del 50% dei fan che guardano uno dei nuovi programmi di “Trek” ne guardano anche almeno altri due.

I nuovi spettacoli vanno in onda in 200 mercati internazionali e sono doppiati in 35 lingue. Con il lancio della quinta e ultima stagione di Discovery ad aprile, “Star Trek” è per molti versi più forte di quanto non sia mai stato.

Star Trek: Rod_Roddenberry

Eugene Roddenberry, Jr.

I fan di Star Trek lo hanno mantenuto in vita più volte di quanto sembrasse possibile,” afferma Eugene Roddenberry, Jr. produttore esecutivo della serie TV tramite Roddenberry Entertainment. “Mentre molti spettacoli ringraziano giustamente i loro fan per averli supportati, letteralmente non saremmo qui senza di loro.”

Ma la profondità della devozione dei fan per “Star Trek” smentisce anche un curioso paradosso sul suo successo duraturo: “Non è la base di fan più grande,” afferma Akiva Goldsman, produttore esecutivo e co-showrunner di Strange New Worlds. “Non è ‘Star Wars’. Certamente non è Marvel.”

Quando JJ Abrams ha riavviato “Star Trek” nel 2009 – con Chris Pine, Zachary Quinto e Zoe Saldaña nei panni di Kirk, Spock e Uhura – il film ha incassato più di qualsiasi altro film precedente di “Star Trek.” Ma né quel film né i suoi due sequel hanno superato i 500 milioni di dollari di incassi globali, un ostacolo che ogni altro franchise di alto livello può superare senza fatica.

C’è anche il fatto che i fan di “Star Trek” stanno invecchiando. Chiedo alla star di “The Next Generation” Jonathan Frakes, che ha recitato o diretto più versioni di “Star Trek” di chiunque altro al mondo, quanto spesso incontra fan per i quali i nuovi spettacoli di “Star Trek” sono al primo posto. “Tra i fan che vengono a parlare con me, direi pochissimi,” dice. “I fan di ‘Star Trek’, come sappiamo, sono molto, molto, molto leali – e non molto giovani.”

Come dice Stapf: “C’è un vero e provato fan di ‘Trek’ che probabilmente verrà in ogni ‘Star Trek’, non importa quale sia – e noi vogliamo espandere l’universo.”

Mentre la Paramount Pictures raddoppia i suoi sforzi per portare un film di “Star Trek” nelle sale, Kurtzman e la sua società di produzione Secret Hideout stanno spingendo i confini di come può apparire “Star Trek” sul piccolo schermo.

Michelle Yeoh ha appena terminato le riprese del primo film televisivo di “Star Trek, Section 31,” un thriller di spionaggio che la vincitrice dell’Oscar definisce “‘Mission: Impossible’ nello spazio.” E quest’estate, la prima serie IA di “Star Trek,” “Starfleet Academy,” inizierà la produzione sul set singolo più grande mai creato per “Star Trek” in TV.

È significativa la confessione del giornalista di Variety che afferma: ‘Ogni singola persona con cui ho parlato per questa storia ha parlato di “Star Trek” con una gioiosa serietà rara nel settore come (attenzione nerd) un pacifista Klingon’.

Quando incontro i fan, a volte vengono per essere confermati, come se fossi una specie di prete,” dice Ethan Peck durante una pausa delle riprese sul set di Strange New Worlds. Indossa tutti gli abiti di Spock – orecchie a punta, sopracciglia severe, taglio di capelli a scodella – e quando gli viene chiesto dei suoi primi ricordi di “Star Trek,” fissa lo spazio in quella che sembra una contemplazione vulcaniana. “Ricordo che ero nel cortile in seconda o terza elementare e facevo il saluto vulcaniano, senza sapere da dove provenisse,” dice. “Quando ho pensato a ‘Star Trek’, ho pensato a Spock. E ora sono lui. È pazzesco.”

Amare “Star Trek” significa amare la scienza astrusa e la diplomazia da cowboy, i complessi dilemmi morali e le domande sul significato dell’esistenza. “In definitiva è uno spettacolo con la più sorprendente visione di ottimismo, credo, mai vista sullo schermo nella fantascienza,” dice Kurtzman, che ha 50 anni. “Tutto ciò di cui hai bisogno sono due minuti al telegiornale per sentirti senza speranza adesso. ‘Star Trek’ è onestamente il miglior balsamo che potresti mai sperare.

Sto ricevendo un tour della USS Enterprise da Scotty – o, meglio, dallo scenografo di “Strange New World” Jonathan Lee, che esulta nella sua radicata scozzese nativa mentre entriamo nella sala teletrasporto dell’astronave. “Mi sono sentito così eccitato facendo questo, non posso dirtelo,” dice. “In realtà ne ho progettato quattro versioni.”

Lee è particolarmente orgoglioso della passerella che ha creato per correre dietro le piattaforme del teletrasporto, un’innovazione che consente alla produzione di riprendere i personaggi da una serie di angolazioni completamente nuove mentre si teletrasportano da un pianeta lontano. È uno degli innumerevoli modi in cui questo show è stato progettato per essere il più cinematografico possibile, parte della visione generale di Kurtzman di far sembrare “Star Trek” in TV “un film ogni settimana.”

Il lavoro di Kurtzman con “Star Trek” è iniziato con la co-scrittura della sceneggiatura del film di Abrams del 2009, che era pervaso da uno stile visivo frenetico che era nuovo per il franchise. Quando a metà degli anni 2010 i CBS Studios si sono rivolti a Kurtzman per riportare “Star Trek” in TV, lui sapeva istintivamente che doveva essere emozionante quanto quel film.

L’obiettivo era molto diverso da qualsiasi cosa avessimo mai fatto in ‘Next Gen’“, afferma Frakes, che ha diretto due lungometraggi con il cast di “Next Generation” e diretto episodi di quasi tutte le serie TV live-action di “Trek,” tra cui “Discovery” e Strange New Worlds.Ogni dipartimento ha le risorse per creare.”

Un nuovo laboratorio scientifico allestito per la terza stagione, ad esempio, vanta un pavimento trasparente sopra una piscina d’acqua di un metro e mezzo che turbina sotto il banco di lavoro centrale, e le pareti circostanti ospitano una mezza dozzina di schermi con schemi dal vivo disegnati su misura da un team di sei persone. squadra. “Mi piace poter dipingere su una tela davvero grande,” afferma Kurtzman. “La sfida più grande è sempre assicurarsi che, non importa quanto grande diventi qualcosa, non si perda mai la concentrazione su quella piccola, piccola storia emotiva.”

Per raggiungere questo equilibrio, gli showrunner di Strange New Worlds Goldsman e Henry Alonso Myers hanno radicato la serie in una struttura episodica classica sperimentando costantemente la fluidità di ciò che “Star Trek” può essere. Nelle sue prime due stagioni, Strange New Worlds è passato dall’horror mostruoso alla commedia sullo scambio di corpi, al fantasy in costume, al dramma giudiziario fino a un musical in piena regola con una boy band Klingon. Per la terza stagione, che debutterà nel 2025, Frakes ha diretto un episodio incorniciato come un giallo di omicidio di Hollywood che definisce “il miglior episodio televisivo che abbia mai girato.”

A questo punto, c’è un genere che Strange New Worlds non può fare? “Finché la nostra narrazione è convincente e sicura, non sono sicuro che ci sia,” dice Goldsman con un sorriso malizioso. “Potrebbe fare i Muppets? Sicuro. Potrebbe fare bianco e nero, silenzioso, slapstick? Forse!

Questo approccio vuole anche attrarre le persone che potrebbero voler guardare “Star Trek” ma considerano quelle 668 ore di retroscena come un peso insormontabile. “Non è necessario sapere ‘cosa è successo prima’ per seguire il nostro spettacolo,” dice Myers.

Per ottenere così tanti cambiamenti di tono e ambientazione pur mantenendo il mandato cinematografico di Kurtzman, Strange New Worlds ha abbracciato una delle più recenti innovazioni negli effetti visivi: la produzione virtuale.

Resa popolare per la prima volta nella serie Star Wars, The Mandalorian, la tecnologia – chiamata AR wall – prevede un’imponente partizione circolare di schermi LED che proiettano uno sfondo altamente dettagliato generato dal computer. Invece di agire davanti a uno schermo verde, gli attori possono vedere qualunque ambiente fantastico abitino i loro personaggi, conferendo allo spettacolo un livello più ricco di verosimiglianza.

 

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner