Per la rubrica Cento parole, un drabble fantascientifico dalla penna di Patrizio Righero che avevamo già letto in un tenebroso miniracconto qui.

Nella storia di oggi vedremo come la differenza di prospettive possa aprirci gli occhi sulla vera natura della realtà…

t.c.b.

 

Al largo del sistema solare, di Patrizio Righero

Alla ventiduesima ora della notte lo trovò seduto sul davanzale della finestra.
«Che cosa fai lì con questo freddo?»
Jopar era rapito dalla magia delle tre lune in allineamento e non girò lo sguardo verso la madre.
«Lo sai che non voglio che tu faccia questo.»
«Ma ora verranno, mamma. Lo so. Ieri sera ho visto una scia luminosa al largo del sistema solare».
La madre appoggiò una mano sulla spalla di Jopar e gli diede un bacio.
«Ormai sei grande» disse, «lo sai che i sogni sono solo sogni. Quante volte te lo devo ripetere: i terrestri non esistono!»

 

Questo racconto è World © di Patrizio Righero. All rights reserved.

 

(Partecipa alla rubrica Drabble!
Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto di cento parole)

 

Nell’immagine, un’illustrazione di Raphaël Vavasseur