Seleziona Pagina

SPIA – CENTO PAROLE

SPIA – CENTO PAROLE
Questa settimana ci regala un drabble Keith Damore, pseudonimo di Fabio M.

Classe 1979, dal 2019 scrive Le storie di OltreBuio, squarci di quella che l’autore descrive “una zona x e un terreno k, quello che c’è sopra a volte striscia al di sotto, l’apparenza inganna e i suoi strani abitanti ne sanno qualcosa”.

C’è un mistero che tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo sperimentato. Scopriamone il lato spaventoso nel microracconto che segue…

t.c.b.

 

 

Spia, di Keith Damore

 

 

Hans fissava euforico, dal basso all’alto, prima il palmo della mano poi gli occhi comprensivi materni.
“Ricordati che porta i doni solo ai bambini buoni”.
Annuì. Questa volta voleva vederla, non gli importava del soldino.
La notte, sotto le coperte, pur di non addormentarsi morsicò la lingua, e infine arrivò.
Era mascherata: un grosso becco, un abito fino ai piedi e dita lunghe quanto tralci.
Al buio non distingueva il bagliore di un dentino dall’occhio spiritato e doveva raccogliere in fretta.
Nella stanza accanto sua madre dormiva beata. Anche stavolta missione compiuta, non si era mosso.

 

 

Il racconto Spia” è World © di Keith Damore. All rights reserved.

 

(Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto fantastico di cento parole)

 

Spia, di Keith Damore

Gustav Klimt: dettaglio da Le tre età della donna (1905)

 

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo e il romanzo dagli spunti fantascientifici “Mondotempo” (Watson Edizioni, collana Andromeda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner