Seleziona Pagina

GADGET – CENTO PAROLE

GADGET – CENTO PAROLE
Torna la scrittrice e traduttrice Maria Distefano, che avevamo letto tempo fa nel primo drabble, A lezione, con una seconda microstoria.

Stavolta siamo in un tempo futuro e cogliamo la protagonista, amante di stranezze, nel negozio di un antiquario…

t.c.b.

 

 

 

Gadget, di Maria Distefano

L’insegna di ferro cigolava al vento.
Lisabeth entrò nel negozio e si sentì in una capsula del tempo. Di un tempo intravisto in filmati che, da microchip sotto cute, dalla “voce” Storia, le arrivavano al cervello in spezzoni deteriorati che a volte stentava a capire: esplosioni atomiche, inondazioni, pandemie. In quel posto riusciva a trovare oggetti antichissimi, toccarli, comprarli.
– Hai delle novità, Attilio?
– Una partita di gadget del 2021. Pare che quell’anno i nostri antenati producessero tutto con questa forma sferica ricoperta di trombettine, a corona. Una moda del momento, immagino. Guarda questi ciondoli siglati Covid-19!
– Deliziosi! Dammene dieci!

 

 

Il racconto Gadget” è World © di Maria Distefano. All rights reserved.

 

(Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto fantastico di cento parole)

 

 

Gadget, Di Maria Distefano

Nell’immagine: Tema e variazioni di Piero Fornasetti

 

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo e il romanzo dagli spunti fantascientifici “Mondotempo” (Watson Edizioni, collana Andromeda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner