Seleziona Pagina

TUTTAVIA LA RICORDAVO – CENTO PAROLE

TUTTAVIA LA RICORDAVO – CENTO PAROLE
Nuovo drabble per un autore, Davide Bortolo, che avevamo già letto più di un anno fa nel drabble fantascientifico Corri ragazzo laggiù!.

Nell’originale microstoria di oggi il protagonista, ormai solo e l’ultimo a ricordare, si rende conto che manca qualcosa…

t.c.b.

 

 

Tuttavia la ricordavo, di Davide Bortolo

 

 

Scomparsa! Sono distrutto: ho frugato in ogni luogo da giorni, ho spalancato armadi, rovistato tutta la scaffalatura, spulciato tra raccoglitori, libri, giornali. Ma non trovo alcuna traccia, in alcun capitolo, paragrafo, riga, parola.
Tuttavia sono sicuro di ricordarla! Ho domandato in giro ma non ho avuto riscontro: “Non so di cosa parli!” ha risposto mia figlia.
“Pari impazzito! Hai bisogno d’aiuto?” la diagnosi di papà.
Ora sono stanco, gli occhi si chiudono, chissà, può darsi sia stato solo un sogno.

***

Frattanto, in un vocabolario ingiallito, dopo la parola “Durlindana”, prima di “Fabbisogno” la E quatta, quatta scompariva dal mondo.

 

 

Il racconto Tuttavia la ricordavo” è World © di Davide Bortolo. All rights reserved.

 

(Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto fantastico di cento parole)

 

Tuttavia la ricordavo, di Davide Bortolo

Nell’immagine: Francisco José de Goya y Lucientes, Il sonno della ragione genera mostri

 

 

 

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo e il romanzo dagli spunti fantascientifici “Mondotempo” (Watson Edizioni, collana Andromeda).

1 commento

  1. marco

    Originale e ben scritto. Alle ottime idee basta pochissimo spazio per emergere. Hai evocato una serie di immagini che permangono e si sviluppano anche dopo la fine delle 100 parole. Come il buon vino, lo bevi e ti rimane il sapore in bocca. Bravo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner