Seleziona Pagina

PER LA LA PACE – CENTO PAROLE

PER LA LA PACE – CENTO PAROLE
Per la pace è il drabble di oggi, scritto da Giovanna Repetto che già era apparsa nella rubrica Cento parole con la microstoria dal titolo A colazione.

Si tratta di un racconto brevissimo in cui la parola pace fa da protagonista e apre una domanda: che cosa succede quando si chiama pace qualcosa che non lo è? Ce lo mostrano i protagonisti in questo racconto, con tutti i risvolti del caso…

t.c.b.

 

Per la pace, di Giovanna Repetto

Andammo a prendere Tomas, tutti noi della comitiva, e lo portammo a ubriacarsi nelle bettole della città vecchia. Faceva lo spaccone, mostrava perfino una specie di euforia. Rideva, raccontando che sua madre aveva cercato di allevarlo rachitico perché non entrasse nelle liste, ma lui aveva mangiato di nascosto. Dopo aver riso divenne mesto, ci abbracciò e versò qualche lacrima. Alla fine manifestò una rassegnazione tranquilla, come accadeva a tutti i sorteggiati. La Moloc era già in orbita.

Gli abitanti di Orco ne pretendevano solo dodici all’anno: avevano un metabolismo lento. Però era gente di parola. Ringraziavano e ripartivano in pace.

 

Questo racconto è World © di Giovanna Repetto. All rights reserved.

 


(Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto di cento parole)

PER LA PACE - CENTO PAROLE

Illustrazione pubblicata da Wit Studio, dedicata all’anime “L’attacco dei Giganti”, tratto dal manga di Hajime Isayama

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo, e altro è in preparazione.

1 commento

  1. Avatar

    Un drabble perfetto. Calibrato in ogni parola. Da brivido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *