Seleziona Pagina

È morto Dean Stockwell

È morto Dean Stockwell

Dean Stockwell, che ha iniziato la sua carriera di attore da bambino nell’età d’oro di Hollywood e in seguito ha recitato in modo memorabile in “ Blue Velvet ” di David Lynch ; nella commedia “Married to the Mob”, per la quale è stato nominato all’Oscar; e nella serie fantascientifica TV “ Quantum Leap ”, per il quale è stato nominato agli Emmy, è morto domenica 7 novembre 2021. Aveva 85 anni.

Dean Stockwell bambino

Dean Stockwell bambino

L’attore ha collezionato 200 presenze straordinarie in una carriera durata sette decenni, lavorando con registi famosi tra cui Lynch, Jonathan Demme, Robert Altman, Wim Wenders, Sidney Lumet e Francis Ford Coppola.

Ha ottenuto una nomination all’Oscar come attore non protagonista per la commedia sulla mafia di Demme del 1988 “Married to the Mob”, con Michelle Pfeiffer e Matthew Modine, in cui interpretava il boss mafioso Tony “the Tiger” Russo, che era allo stesso tempo agghiacciante e divertente.

Uno dei ruoli più memorabili di Stockwell è stato quello dell’ammiraglio ‘Al’ Calavicci nella serie di fantascienza della NBC “Quantum Leap” (In viaggio nel tempo) che è andata in onda per cinque stagioni tra il 1989 e il 1993.

Il personaggio donnaiolo e più grande della vita è stato il fiore all’occhiello del ruolo di Scott Bakula come Dr. Sam Beckett, un fisico impegnato in esperimenti spazio-temporali.

Bakula e Stockwell sono diventati amici intimi. Bakula ricordava Stockwell come un uomo gentile, generoso con gli altri attori, essendo stato un bambino divo e pieno di interessi vari che spaziavano dalla musica e dall’ambiente ai sigari e al golf.

Lo amavo teneramente e sono stato onorato di conoscerlo”, ha detto Bakula. “Mi ha reso un essere umano migliore“.

Il ruolo è valso a Stockwell quattro nomination per il Primetime Emmy e una vittoria al Golden Globe nel 1990 come “miglior interpretazione di un attore in un ruolo secondario in una serie, miniserie o film per la televisione”. Stockwell ha ricevuto una stella sulla Walk of Fame di Hollywood il 29 febbraio 1992, lo stesso anno in cui ha interpretato uno sceneggiatore scontento in “The Player” di Robert Altman.

Ma ci sono state molte esibizioni memorabili per le quali Stockwell non ha ricevuto riconoscimenti. Tra questi c’era la sua bizzarra svolta nell’esplorazione di Lynch dell’oscuro mondo sotterraneo che si trova segretamente sotto una città nominalmente normale in “Blue Velvet“. Qui Dennis Hopper ha avuto il ruolo più scandalosamente brutale, ma Stockwell è stato più sottile nella sua inquietudine mentre sincronizza le labbra con la canzone di Roy Orbison “In Dreams”.

Scrivendo di “Blue Velvet” nel 2006, 20 anni dopo la sua uscita, Terrence Rafferty ha fatto riferimento a “questo film è indelebilmente strano Ben, interpretato da Dean Stockwell come l’epitome della soavità“.

Stockwell aveva lavorato per la prima volta per Lynch nell’adattamento del regista del 1984 di “Dune” , interpretando il perfido Dr. Yueh che, nelle mani di Stockwell, divenne strano ma comprensivo.

Dean Stockwell

Dean Stockwell in “In viaggio nel tempo”

L’attore era anche noto per il suo ruolo nel classico di Wenders del 1984 “Paris, Texas”, in cui interpretava Walt Henderson, che offre un discreto supporto a suo fratello, Travis Henderson di Harry Dean Stanton.

Nel 1988, sulla scia della serie di successi di Stockwell culminati nel suo lavoro in “Married to the Mob” e nella sua interpretazione di Howard Hughes in “Tucker: The Man and His Dream” di Coppola, il New York Times ha pubblicato un profilo elogiativo del attore.

Descrivendo il suo sviluppo da attore bambino ad adulto, il Times ha detto: “Il cherubino visto correre con un Gene Kelly che picchietta sui piedi in ‘Anchors Aweigh’ si è trasformato in un protagonista oscuro, intenso e carismatico“.

Stockwell poteva interpretare personaggi stravaganti memorabili o personaggi dell’establishment con la stessa facilità.

Recensendo il film d’azione di Harrison Ford “Air Force One” (1997), il New York Times ha dichiarato: “Dean Stockwell ha una breve e divertente svolta come segretario alla Difesa eccessivamente ambizioso“.

Nel dramma del tribunale militare “JAG” del 2002-04, Stockwell ha recitato nel ruolo del senatore Edward Sheffield, che diventa segretario della Marina.
Stockwell si è ripresentato come un diverso tipo di figura autoritaria nel nuovo “Battlestar Galactica” dal 2006-09 come Cylon noto come Number One o John Cavil.

Nel 2013 Stockwell è apparso nel lungo ritorno al cinema di Jerry Lewis, il poco visto “Max Rose”.

Robert Dean Stockwell è nato a Los Angeles dai genitori attori Nina Olivette e Harry Stockwell. Dean e suo fratello maggiore Guy, anche lui attore, fecero il loro debutto a Broadway nel 1943 in “The Innocent Voyage”.

La MGM ha firmato un contratto con l’adorabile Dean e ha fatto le sue prime apparizioni cinematografiche nel film drammatico di Greer Garson-Gregory Peck “The Valley of Decision” e nel musical con Frank Sinatra-Gene Kelly “Anchors Aweigh”, entrambi nel 1945, quando aveva 9 anni.
Nel 1947 si riunì con Peck nel classico, diretto da Elia Kazan contro l’antisemitismo, “Gentlemen’s Agreement”, interpretando il figlio di Peck, che viene ridicolizzato quando gli altri (erroneamente) pensano che sia ebreo. L’anno successivo ha recitato in un altro film a tema, “Il ragazzo dai capelli verdi” di Joseph Losey, una parabola fantastica sul razzismo.

Un altro classico in cui è apparso quando era ancora un adolescente è stato l’adattamento della MGM del 1949 di “The Secret Garden” di Frances Hodgson Burnett, in cui Stockwell interpretava lo storpio Colin, con Margaret O’Brien, Herbert Marshall, Gladys Cooper ed Elsa Lanchester.

Nel film di caccia alle balene del 1949 “Down to the Sea in Ships“, il suo era il personaggio su cui le stelle Lionel Barrymore e Richard Widmark lottano.

È anche apparso nel western fortemente morale di Jacques Tourneur “Stars in My Crown“, ha recitato nel racconto da scolaro di William Wellman “The Happy Years” e ha recitato al fianco di Errol Flynn nell’adattamento di Rudyard Kipling “Kim”, tutto nel 1950.

Durante gli anni ’50 il crescente Stockwell si muoveva avanti e indietro tra il cinema e il nuovo mezzo televisivo, ea Broadway è apparso in “Compulsion”, basato sul caso Leopold & Loeb, ed è apparso nel classico adattamento cinematografico del 1959, con Orson Welles. Stockwell e Bradford Dillman hanno interpretato i giovani sociopatici altamente intelligenti che uccidono un bambino per vedere se potevano farla franca. Stockwell, Dillman e Welles hanno condiviso il premio come miglior attore al Festival di Cannes.

Durante gli anni ’60 Stockwell appariva principalmente in televisione, ma le sue poche incursioni cinematografiche furono memorabili.

Nel 1960 Stockwell interpretò Paul Morel nella apprezzatissima versione di Jack Cardiff di “Sons and Lovers” di D.H. Lawrence, che raccolse sette nomination all’Oscar. È apparso nell’adattamento cinematografico di Sidney Lumet del 1962 della commedia di Eugene O’Neill “Long Day’s Journey Into Night”, con Katharine Hepburn, Ralph Richardson e Jason Robards. Al Festival di Cannes, Richardson, Robards e Stockwell hanno vinto un premio condiviso come miglior attore.

Dopo aver esplorato personalmente la sottocultura hippie, Stockwell ha recitato insieme a Susan Strasberg, Jack Nicholson e Bruce Dern in “Psych-Out” del 1968, diretto da Richard Rush e con elementi della fiorente controcultura come droghe, hippy e musica psichedelica.

Ma per il resto Stockwell ha dedicato la sua vita professionale durante gli anni ’60 ad apparizioni in spettacoli come “Alfred Hitchcock Presents”, “Wagon Train”, “Dr Kildare” (in cui ha avuto un arco di più episodi come Dr. Rudy Devereux) e ” Bonanza.”

Il momento clou di questo lavoro televisivo è stato un episodio particolarmente memorabile del 1961 di “Ai confini della realtà”, “A Quality of Mercy”, in cui ha recitato un ufficiale americano incaricato di guidare un’accusa contro i giapponesi, ma viene poi trasportato indietro nel tempo e trasformato in un ufficiale giapponese in una situazione analoga, ottenendo alla fine una prospettiva che non aveva avuto prima.

Nel 1970, quando Peter Fonda si è ritirato, Stockwell è intervenuto per recitare nel film horror lovecraftiano prodotto da Roger Corman “The Dunwich Horror” (Stockwell è apparso anche nel remake televisivo del 2009). L’anno successivo è apparso nel disgraziato “The Last Movie” di Dennis Hopper. Nel 1972 ha recitato in “The Loners”, un road movie che aveva un debito con “Easy Rider” in cui interpretava un mezzo nativo americano in fuga dalla polizia, e con Dennis Hopper nell’anemico film contro la guerra di Henry Jaglom del 1976 “Tracks .”

Durante il decennio ha lavorato per un po’ come agente immobiliare.

Le cose hanno ricominciato ad andare bene nella sua carriera – e in grande stile – a partire da “Paris, Texas” nel 1984.

Stockwell era un amico di lunga data del musicista Neil Young, e la coppia ha scritto e co-diretto il film poco visto del 1982 “Human Highway”. Artista da tempo, Stockwell ha disegnato la copertina dell’album di Young “American Stars ‘N Bars”.

Tra i premi e riconoscimenti ricordiamo: nel 1959 al Festival di Cannes il Prix d’interprétation masculine per ‘Frenesia del delitto’ e tre anni dopo il Prix d’interprétation masculine per ‘Il lungo viaggio verso la notte’.

Nel 1989 la candidatura all’Oscar come Miglior attore non protagonista per ‘Una vedova allegra… ma non troppo’.

Dean Stockwell

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner