Seleziona Pagina

È morto William Hurt

È morto William Hurt

William Hurt è morto domenica 13 marzo all’età di 71 anni per cause naturali.

Prima di accumulare un considerevole corpus di opere nell’arco di cinque decenni, l’attore ha ottenuto tre nomination all’Oscar e una vittoria come miglior attore nel primo decennio della sua carriera di attore cinematografico, diventando una delle principali star degli anni ’80. Ha lavorato al fianco di star come Kathleen Turner, Albert Brooks e Holly Hunter.

In seguito ha prestato il suo talento a registi come Steven Spielberg e M. Night Shyamalan.

Hurt aveva un aspetto e un’aura che sembravano adattarsi perfettamente alla concezione hollywoodiana. Alto e dalle spalle larghe, con una ciocca setosa di capelli color grano, i bei lineamenti messi in risalto da un mento spaccato e uno sguardo lontano, era la quintessenza dell’uomo ideale vecchio stile WASP.

Nei film, questa tipologia in genere era considerata esempio di rettitudine, un “tipo forte e silenzioso”. Eppure non c’era nulla di silenzioso in William Hurt.

Hurt ha ottenuto il suo primo ruolo importante in Altered States, Stati di allucinazione. La pellicola aveva un terribile retroscena che si traduceva sullo schermo in modo particolare.

Il regista, lo sgargiante stilista britannico Ken Russell, e lo sceneggiatore dalla verbosità americana Paddy Chayefsky, erano caratteri all’opposto e non si sopportavano a vicenda. Russell decise di mettere in scena l’intero film obbligando gli attori a dialoghi alla velocità della luce. E Hurt si è rivelato particolarmente adatto al compito.

In Stati di allucinazione, ci sono stati momenti in cui sembrava quasi posseduto, lancia battute del tipo: “Sono sempre stato interessato alle esperienze interiori, in particolare all’esperienza religiosa… ho lavorato con le scimmie per due anni, ma le scimmie non possono dirti cosa succede nella loro coscienza. Devi essere umano per questo.”

WIlliam Hurt: stati di allucinazione

Hurt era il tipo che ti avrebbe raccontato tutto delle sue esperienze interiori. Era un chiacchierone, un comunicatore ansiosamente compulsivo. Aveva un’intensità cerebrale speciale e, nonostante la sua bellezza da ragazzo troppo cresciuto, la sua qualità più memorabile era la voce. Era sempre una tacca più alta di quanto ci si potesse aspettare, con un accenno di un piagnucolio che suonava, a volte, come il timbro monotono di un ipnotizzatore.

Un’icona di Hollywood dovrebbe tenere sotto controllo le proprie emozioni, ma Hurt, nel suo periodo da star del cinema anni ’80, mostrava apertamente i sentimenti. Le parole sembravano uscirgli quasi suo malgrado, e questa è la chiave per cui il pubblico lo ha amato.

Altered States lo ha fatto conoscere, ma fu Body Heat (Brivido caldo), pubblicato nel 1981, che ha consolidato la fama di Hurt come protagonista.

Era il primo film di Lawrence Kasdan, un remake di Double Indemnity (La fiamma del peccato) e, a differenza di tanti noir moderni troppo ben educati, questo presentava una femme fatale degli anni ’40, interpretata con roco magnetismo erotico da Kathleen Turner.

William Hurt interpretava Ned Racine, un perdente contemporaneo, un avvocato della Florida da quattro soldi che si innamora sorprendentemente di questa tentatrice uscita dal sogno di un vecchio film. Il male lo rende nevrotico, ma lui, in comunione con la donna, è sexy. Il ruolo ha suggellato la sua celebrità. Anche se Hurt è diventato famoso solo un anno dopo per il suo ruolo nell’appassionato noir di Lawrence Kasdanal a fianco della collega esordiente Kathleen Turner.

Nel 1985, Hurt era ormai considerato uno dei più importanti attori di Hollywood per la sua interpretazione in “Il bacio della donna ragno” di Héctor Babenco.

Hurt fa parte di un piccolissimo gruppo di attori che ha vinto un premio di miglior attore agli Academy Awards, ma, per lo stesso ruolo, anche al Festival di Cannes.

William Hurt ha trionfato su Harrison Ford, Jack Nicholson, James Garner e Jon Voight agli Oscar del 1986, vincendo come miglior attore alla sua prima nomination.

Hurt, aveva un passato col teatro (negli anni ’70 aveva frequentato la Juilliard e vinto un Obie Award), ma non si fidava di quel tipo di celebrità.

L’America, a quei tempi, aveva una cultura meno orientata ai blockbuster e Hurt ha condotto la sua carriera come qualcuno che volesse essere un attore caratterista, nel corpo di una star del cinema.

William Hurt ha interpretato un detective russo in “Gorky Park“. Ha interpretato un cinico possessore di verità ne Il Grande Freddo, la pillola avvelenata di un veterano del Vietnam che stordisce il suo dolore con la droga e farà capire ai suoi compagni ormai anziani quanta poca rilevanza abbiano i loro ideali nel mondo.

Dopo aver stabilito quanto fosse grande come attore, Hurt è approdato in quello che si sarebbe rivelato il suo ruolo della vita: Il bacio della donna ragno di Hector Babenco.

Ha interpretato Molina, una regina del cinema brasiliana gay che, al culmine della dittatura militare del paese, condivideva una cella con un rivoluzionario arrabbiato di sinistra interpretato da Raul Julia. In effetti si trattava di un film d’autore ambientato quasi sempre nello squallore di quella cella, dove i due attori hanno sviluppavano un rapporto che ha lasciato il pubblico elettrizzato e commosso.

Ma è stata la performance di Hurt nei panni della Molina dall’anima tenera, flessuosa e con la testa tra le nuvole che ha caratterizzato il film.

Ho visto Il bacio della donna ragno a New York nell’estate del 1985 alla sua prima esecuzione e fu quella la più lunga coda per un film a cui io abbia mai assistito: proseguiva per quasi quattro isolati. La novità di vedere un attore come Hurt interpretare un personaggio così “esotico” era irresistibile.

E ciò che è stato miracoloso della sua interpretazione è che Hurt ha usato il suo carattere duro, il suo dolore per la libertà che non poteva avere, perché la società gliel’aveva negata.

È stata un’interpretazione rivoluzionaria, la prima di tre che hanno fruttato a Hurt la nomination all’Oscar. E ha vinto, perché nessuno in quell’anno avrebbe mai potuto toccare il calore della sua trasformazione.

Hurt, come attore, era il re degli anni ’80.

La sua interpretazione in “Figli di un dio minore” ha avuto una cadenza quasi musicale. Qui era nei panni della persona udente che desidera a tutti i costi far imparare “la sua lingua” alla partner, interpretata da Marlee Matlin,

Hurt ha trasformato il suo uso della Lingua dei Segni in un’estensione della sua naturale intensità verbale. Sarebbe poi diventato un attore miracolosamente espressivo.

Il che gli ha permesso di interpretare, in “Dentro la notizia“,  un giornalista televisivo importante – un ruolo basato proprio sul tipo di presenza da bambolotto Ken, che Hurt aveva già superato – decostruendo poco per volta il personaggio. Il suo Tom è una presenza romantica, anche un po’ un automa, fino alla famosa scena in cui piangerà a dirotto davanti alla telecamera.

Hurt ha coronato il suo decennio classico, anche con un’altra interpretazione nel 1991, quando ha recitato in “Un medico, un uomo“, dove ha interpretato un chirurgo che deve superare il distacco clinico sviluppato in molti anni, quando dovrà affrontare la propria diagnosi di cancro alla gola. Si è trattato di un’interpretazione davvero viva.

Ma ogni attore, almeno a Hollywood, ha il suo periodo, e quello di Hurt era ormai passato.

Negli anni ’90, ha cercato di unirsi alla nuova cultura del franchise, ma la sua avventura con “Lost in Space” – è un film in cui non si è mai ritrovato.

Ma ha continuato a farsi vedere, trovando infine una posto per lui nell’Universo Marvel (nel ruolo dell’imperioso Segretario di Stato Thaddeus Ross), poi passando con successo sul piccolo schermo, specie nella serie di thriller legali “Damages“) e recitando in un altro importante film che gli è valso una nomination all’Oscar: il boss del crimine in “A History of Violence” (2005) di David Cronenberg.

È un pezzo di recitazione provocatoriamente eccentrico, ed è apparso sullo schermo solo per circa 10 minuti. Eppure Hurt, calvo, con una barba che lo faceva sembrare Amish e un accento che suonava quasi yiddish, ha dotato questo mostro di famiglia di un odioso cipiglio che ha portato il film a un incredibile livello di cupezza. La recitazione, come sempre, sembrava esplodere fuori di lui.

Hurt ha continuato a lavorare con le principali forze artistiche per tutto il 20° secolo, recitando tra gli altri nell’epica tentacolare del regista tedesco Wim WendersFino alla fine del mondo“.

All’inizio del secolo, Hurt iniziò a trasformarsi da protagonista ad attore caratterista, fornendo colore e profondità ai contorni dei film. Per esempio nel caso di “A.I. – Intelligenza artificiale” di Steven Spielberg dove apre il film con un monologo importante.

Analogamente Hurt ha continuato a lavorare con i principali registi per tutti gli anni 2000, interpretando spesso ruoli di statisti anziani come in “The Village“.

Come abbiamo gia accennato, Hurt negli ultimi anni si è ritagliato uno spazio nel Marvel Cinematic Universe apparendo per la prima volta nel ruolo di “Thunderbolt Ross” in “The Incredible Hulk” del 2008, e successivamente in “Captain America: Civil War” e “Black Widow“.

Hurt ha lavorato anche in televisione. Ha ottenuto una nomination agli Emmy come attore non protagonista per la sua interpretazione al fianco di Glenn Close nella serie FX “Damages”.

Hurt ha continuato a lavorare negli ultimi anni della sua vita. L’anno scorso, è apparso in un ruolo da ospite nella serie Apple TV Plus “Mythic Quest“, recitando al fianco del suo coetaneo F. Murray Abraham.

Sergio Giuffrida
+ posts

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner