Seleziona Pagina

Yahya Abdul-Mateen II racconta la sua scalata

Yahya Abdul-Mateen II racconta la sua scalata

Yahya Abdul-Mateen II racconta la scalata del suo successo a Hollywood, intanto ‘Candyman’ ha debuttato ai vertici del box office, guadagnando 22 milioni di dollari nel suo weekend di apertura.

Dopo aver interpretato il “sequel spirituale” del classico horror del 1992, diretto da Nia DaCosta, Abdul-Mateen ha in programma una serie di ruoli di alto profilo, tra cui una parte in ‘The Matrix Resurrections’, quasi di sicuro Morpheus, oltre a riprendere il suo ruolo come Black Manta nel sequel del cinefumetto ‘Aquaman and the Lost Kingdom’.

Sono passati solo cinque anni dalla straordinaria performance dell’attore nella serie andata ma non dimenticata di Baz Luhrmann, “The Get Down“, ma ultimamente la carriera di Abdul-Mateen è cambiata con una marcia in più, e l’attore di certo non si arrende.

Nel 2020, ha vinto il suo primo Emmy per ‘Watchmen’ della HBO e, ad aprile, ha vinto un SAG award per la sua interpretazione di Bobby Seale come parte del cast del film drammatico ‘The Trial of the Chicago 7’.

Pochi istanti prima di sedersi per un’intervista virtuale con Variety, arriva anche la notizia che Abdul-Mateen avrebbe recitato nel thriller criminale distopico ‘By All’.

Il nuovo film segna il quinto progetto della star per la Warner Bros., incluso il prequel di ‘Mad Max’ di George Miller intitolato ‘Furiosa’, con Anya Taylor-Joy e il thriller d’azione ‘Emergency Contact’, che Abdul-Mateen produrrà insieme a Dwayne Johnson.

L’attore recita anche al fianco di Jake Gyllenhaal in ‘Ambulance’, il prossimo film d’azione della Universal diretto da Michael Bay.

Di seguito, l’attore descrive in dettaglio il suo processo di adesione all’ultima installazione di “Candyman” e risponde sapientemente alle domande sui suoi nuovi progetti top-secret.

In che modo Nia ti ha proposto per la prima volta questa storia?

Per prima cosa, ho avuto una conversazione con Jordan [Peele, produttore e co-autore di “Candyman”]. Ha detto: “Ehi, sto facendo “Candyman” e voglio che tu ne faccia parte. Ma voglio che tu parli con Nia». Perché [lei] ne sarebbe stata al timone..

Ma quando mi ha presentato Nia, non abbiamo nemmeno parlato di Candyman. Abbiamo parlato di cinema. Abbiamo parlato di scuola di recitazione, abbiamo parlato di recitazione, abbiamo parlato di alcuni dei suoi film preferiti. Mi ha detto come voleva fare il film – ha fatto riferimento a ‘The Fly’, ‘Rosemary’s Baby’ e un paio di un paio di altri film, e ho detto: “Questa donna ha classe e ha gusto ed è davvero, davvero intelligente.’ Era una persona a cui sapevo di poter affidare i miei talenti e che si sarebbe presa cura di me. E questa è stata sicuramente la mia esperienza dall’inizio alla fine.

Qual è stata la parte più complessa nell’interpretare Anthony? C’erano molti effetti, come in ‘Aquaman’ o ‘The Matrix’?

No, e per me, questa cosa che mi è piaciuta. Mi è piaciuto poter stare il più possibile nel mondo reale naturale per questo.

Penso che una delle cose più impegnative di questo sia stata prendere la storia del trauma di Anthony, la storia e le cose che gli stavano accadendo, e sapere che molte volte non puoi davvero vedere il trauma. Il trauma non si manifesta realmente all’esterno e si manifesta all’interno mentalmente, con i nostri cambiamenti nel comportamento, la nostra salute, i nostri schemi e cose del genere. Le nostre azioni insomma.

Ma il trauma di Anthony, e i lignaggi del trauma che sono atterrati nel [suo] grembo, hanno cominciato a manifestarsi all’esterno del suo corpo. Ed è stato qualcosa che ho portato con me durante tutta la performance e come questo ha permesso alla sua fisicità e alla sua emotività di cambiare man mano che il film andava avanti.

Visto che stiamo parlando di effetti pratici, significa che c’erano delle api con cui stavi lavorando? E se sì, hai negoziato un bonus come ha fatto Tony Todd per ogni puntura d’ape?

Oh, amico, Tony era un uomo più intelligente di me, con il bonus di puntura. [ride]. Ma fortunatamente, mi sentivo al sicuro durante tutto questo. E c’erano alcune soluzioni astute per la nostra versione di “Candyman” che mi hanno tenuto al sicuro. Non ho dovuto essere punto da nessuna ape.

Non posso fare a meno di chiederti dei molti progetti che ti vedono protagonista: sei l’uomo più impegnato di Hollywood. Il prossimo è un altro progetto segreto: ‘Matrix 4’. Qual è la più grande differenza tra entrare in un pezzo di IP come Matrix e farne uno come ‘Candyman’? O è una situazione molto simile?

Non è molto diverso. Entrambi sono classici che la gente ama. Arrivano con grandi aspettative di eccellenza e il pubblico non vede l’ora di vederli. Ed è bello farne parte.

Naturalmente, hanno anche l’opportunità di aggiungere il proprio tocco a momenti e personaggi. E non vediamo l’ora di farlo con ‘Matrix’ nello stesso modo in cui lo abbiamo fatto con ‘Candyman’. È tutta un’opportunità per raccontare nuove storie fresche e cambiare la narrazione e aggiungere una nuova prospettiva su di essa.

Poi c’è ” Aquaman 2 ” — qual è la più grande differenza giocando a Black Manta ora che sono passati alcuni anni?

Ora abbiamo un personaggio più maturo, che ha più tempo per respirare. E arriviamo a capire lui e alcuni dei suoi valori e alcune delle sue motivazioni. Speriamo che in “Aquaman 2” possiamo presentare una versione più completa di David Kane.

Nel primo film, abbiamo avuto modo di incontrarlo, ma principalmente riguardava Black Manta. E questa, la mia speranza è che possiamo incontrare un po’ di più David Kane e scoprire cosa lo fa funzionare, e alcune delle cose che vuole e per cui lotta.

È un’esperienza un po’ più matura per me e non vedo l’ora di portarla sullo schermo.

Quanto è interconnesso “Aquaman 2” con il resto del DCEU? Il tuo buon amico, Dwayne Johnson ora è Black Adam. In tutto questo regno DC, potremmo vedere un trilione di crossover in più?

Ehi, stai facendo le domande dirette? [ride]

E sto analizzando anche la tua reazione facciale.

Questa è una di quelle domande su cui devo restare a bocca chiusa. Ma sono entusiasta di quello che porterà Dwayne. C’è molto sangue nuovo e nuova energia in questo mondo DC in questo momento. E, si spera, continua lungo la linea di quella tendenza.

Ultima cosa, cosa hai imparato sul business lavorando con artisti del calibro di Johnson [su “Baywatch”] e Reeves [su “Matrix”]?

Gentilezza. E quei due – insieme a Hugh [Jackman, in ‘The Greatest Showman’] e Jason Momoa [in ‘Aquaman’], non ho avuto altro che eccellenti esempi di essere il numero uno sul set. La gentilezza e il duro lavoro vanno molto, molto lontano.

Sergio Giuffrida
+ posts

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner