Dell’ultim’ora è la notizia che la piattaforma digitale Netflix ha acquisito i diritti per la diffusione mondiale di The Wandering Earth attraverso i suoi canali.

Parliamo dell’ultimo epico e spettacolare kolossal di fantascienza completamente made in Cina. The Wandering Earth è diventato il secondo incasso locale di sempre dietro gli 854 milioni incassati nell’estate del 2017 da Wolf Warrior 2, altro blockbuster interpretato da Wu Jing. Il prolifico e geniale cineasta cinese proprio in questi giorni sta definendo con Vin Diesel il quarto capitolo della serie fanta-action xXx.

Come già preannunciato da Marco Ambrosio nel suo articolo, il film ha appena superato i 600 milioni di dollari di incasso sul mercato interno a fronte di un budget di costo poco superiore ai 50 milioni di dollari. La sua corsa alle vette delle classifiche continua senza sosta; entro il febbraio 2019 uscirà anche negli Usa, in Australia e a seguire anche in Europa e nel resto dei mercati mondiali. Secondo le stime degli analisti del settore potrebbe anche raggiungere e superare il miliardo di dollari di incasso worldwide.

La pellicola che ha anche ottenuto il primo posto al box office del circuito Imax è stata diretta da Frant Gwo e vede tra gli interpreti, oltre che il già citato Wu Jing, molte star locali: Qu Chuxiao, Li Guangjie, Ng Man-tat e Zhao Jinmai con la partecipazione speciale di. Il kolossal si basa sull’omonimo romanzo del 2000 dello scrittore cinese Liu Cixin, premiato sia con l’Hugo che con il Locus Ward (mentre per il premio Nebula ha avuto solo la nomination) ed è diventato subito un cult movie. Non a caso è stato definito dall’Hollywood Reporter come il primo spettacolare film cinese di fantascienza interstellare di grande respiro.

La storia si svolge nel futuro quando l’umanità deve confrontarsi con l’imminente trasformazione del Sole in una gigante rossa provocando la fine della Terra e dei suoi abitanti. Inizia così un gigantesco progetto per spostare il pianeta dal sistema solare a quello di Alpha Centauri mediante lo stop della rotazione terrestre, la costruzione di grandi città sotterranee per ospitare l’umanità superstite e l’uso di potenti motori propulsori posti vicini alle città medesime in modo da dare il calore necessario alle comunità sotterranee. Inizia così una lunga, insidiosa quanto incredibile e spettacolare odissea attraverso il cosmo per salvare la razza umana e il nostro pianeta. Un viaggio destinato a durare 2500 anni…

Il film è una vera festa per gli occhi e rappresenta un enorme sforzo produttivo raramente visto nei film in lingua cinese. Per realizzare i suoi effetti speciali sono occorsi ben 3.000 studi di conceptual designs, con oltre 10.000 oggetti di scena fatti appositamente, ben 2.000 shots di grafica computerizzata e oltre due anni di post produzione.