Seleziona Pagina

LE REGOLE DEL GIOCO – CENTO PAROLE

LE REGOLE DEL GIOCO – CENTO PAROLE

Da Francesco Antonio Suriano, che già avevamo letto in “L’errore”, arriva il drabble di oggi.

Si tratta di una storia in cui – posso dirlo?… mi è stata dedicata, grazie! – le due protagoniste, cocciute resilienti, ricordano in un certo senso i mondi fantastici di Edwin Abbott Abbott in “Flatlandia”. Da leggere.

t.c.b.

 

Le regole del gioco, di Francesco Antonio Suriano

 

Teodora e Leuconoe, due rette parallele, a forza di procedere… in parallelo, si rispecchiavano l’una nell’altra come Narciso in uno stagno. Inspiegabile, in mancanza di massa, le univa una strana attrazione, una tensione a incontrarsi.
“Solo all’infinito!” sapevano ed era un tormento.
Un giorno – si ignora come – in una curvatura spaziotemporale, si ritrovarono davanti all’antico Maestro di Alessandria. Il silenzio durò a lungo.
Poi Euclide disse: “Lo so, il Mondo Binario è terribile, riconosco la mia colpa”. Cancellò il Quinto Postulato e Teodora e Leuconoe ripartirono.
Se in futuro si incontrarono, oppure no, non è dato saperlo.

 

Questo racconto è World © di Francesco Antonio Suriano. All rights reserved.

 

(Partecipa alla rubrica Drabble!
Segui questo link e spedisci un tuo breve racconto di cento parole)

 

Nell’immagine, un olio di Benedetta Cappa: Velocità di motoscafo; 1919-24

L'Autore

Tea C. Blanc

È comasca. Vive un po' a Como, un po' in Svizzera. Collabora ad alcune riviste, fra cui "Giornale Pop", webzine diretta da Sauro Pennacchioli, e "Andromeda - rivista di fantascienza", diretta da Alessandro Iascy. Ha pubblicato un racconto di genere fantastico con Edizioni Dell’Angelo, e altro è in preparazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *