Seleziona Pagina

Emilia Clarke da Il Trono di Spade a una Supersingle mom in comics

Emilia Clarke da Il Trono di Spade a una Supersingle mom in comics

Da bambina a Londra, Emilia Clarke ricorda come nel suo negozio di fumetti locale un cartello recitava: “Non sono ammesse ragazze“.

La nominata agli Emmy e protagonista del colosso della cultura pop della HBO ‘Game of Thrones’ è stata quindi condannata a trascorrere la sua adolescenza leggendo i fumetti del fratello maggiore e incontrando crociati incappucciati sul grande schermo…

Da bambina leggevo molti romanzi fantasy pieni di mondi ricchi, come ‘Il Signore degli Anelli. Quello era sempre il luogo verso cui gravitava la mia immaginazione. Più tardi, quando sono andata al Comic-Con per la prima volta a 22 anni con “Game of Thrones”, sono rimasta stupita da quello che ho visto – quasi interamente uomini. Più tardi, quando le maree si sono invertite nel settore ed è emerso anche il movimento #MeToo, ho iniziato a guardare la comunità attraverso occhi diversi ed è stato impressionante“, ha detto.

Emilia Clarke ha iniziato a sognare come sarebbe potuto essere un fumetto dal suo punto di vista, un’idea che ha rapidamente guadagnato terreno. Ha reclutato un team creativo tutto al femminile e ha realizzato un fumetto con quello che è senza dubbio uno degli eroi femminili più progressisti del genere.

MOM: Mother of Madness” si pubblicherà nel mese di luglio da Immagine Comics, co-scritto da Emilia Clarke e Marguerite Bennett (“Bombshells”, “Josie and the Pussycats”) con i disegni di Leila Leiz (“Orda”).

Nel fare la mia ricerca, ho scoperto che il 16% dei creatori di fumetti sono donne, secondo uno studio del 2019, mentre solo il 30% dei personaggi dei fumetti sono donne. D’altra parte, circa la metà degli acquirenti di fumetti sono donne. Qualcosa non andava bene con me in quello scambio, e tutti questi segnali mi dicevano di andare a fare il mio“, ha detto la Clarke.

MAMMA” è incentrato su Maya, una madre single impegnata la cui vita è sconvolta dalla scoperta dei superpoteri.

È una mamma single che deve fare un sacco di cose. Questo progetto è nato dall’idea che le madri single sono supereroi. Hai bisogno di una forza sovrumana per farlo. Quando arrivi a 30 anni e i tuoi amici iniziano ad avere figli, dici: ‘Oh mio dio. Non ero a conoscenza di quello che ci voleva. Porca puttana‘”.

Un altro identificatore chiave per il personaggio è che tutti i suoi poteri si manifestano dal suo ciclo mestruale.

Il gonfiore, la crescita dei capelli, gli sbalzi d’umore, [l’acne], tutto questo. Odiamo quando succede, parlando per me e per tutti quelli che ho incontrato che hanno avuto il ciclo. E se cambiassimo tutto e trasformassimo il periodo in qualcosa che possiamo sentire come questa cosa unica, pazza, sovrumana che accade nel nostro corpo? Quando Maya è spaventata diventa invisibile, quando è arrabbiata ha una forza sovrumana. Può oscillare come Spider-Man dai peli delle ascelle“.

Emilia Clarke in MOM

Attraverso entrambi gli obiettivi, Emilia Clarke e il suo team creativo hanno cercato di celebrare la mamma single, la cui rappresentazione mediatica è solitamente di lotta, tristezza e sforzi per riequilibrare la sua vita con un partner maschile. Quando si tratta di mestruazioni, l’attore pensa che sia passato il tempo per normalizzare qualcosa che oltre la metà della popolazione mondiale sperimenta (nelle prossime edizioni della miniserie a fumetti in tre parti, Maya utilizza “tette gonfiate” per aiutare a contrastare un giro di traffico di esseri umani) .

Si vergogna così tanto dei suoi poteri all’inizio. È una questione mentale. Anche oggi, se il tuo tampone cade dalla borsa, sei imbarazzata. Perché?” si chiede Clarke.

Sebbene i suoi temi di attualità e l’umorismo volgare (l’editore descrive il tono della serie come ‘l’azione di Deadpool che incontra la commedia di Fleabag) si prestano al cinema, l’ambizione di Emilia Clarke non era quella di creare un veicolo per lo schermo, piuttosto un qualcosa di godibile.

Emilia Clarke in Invasion

Ha già spuntato la casella sugli adattamenti dei fumetti, essendosi unita al cast dell’atteso ‘Secret Invasion’ dei Marvel Studios , un originale Disney Plus che esplorerà gli alieni mutaforma introdotti nel film ‘Captain Marvel’.

Emilia Clarke, non estranea alla televisione top-secret che affascina il grande fandom, ha detto che il suo primo incontro sul progetto è stato con il team di sicurezza della Marvel.

Le persone dietro le quinte sono le migliori in quello che fanno; è incredibile far parte di quell’alto pedigree. Ma sia per l’universo Marvel che per quello di ‘Star Wars’, ti danno tutti falsi testi per l’audizione”, ha detto Emilia Clarke, riferendosi alle pagine di copione che gli attori leggono per i direttori del casting. “Ricordo che per ‘Star Wars’ il personaggio che ho letto era un produttore musicale inventato…“.

Anche se potrebbe non tornare mai più a Westeros o al suo amato personaggio di Daenerys Targaryen, ha visto le immagini promozionali per il prossimo prequel della HBO di “Game of Thrones”, intitolato ‘House of the Dragon‘.

Penso che sia splendido. È maledettamente eccitante vedere la mia parrucca ovunque!” Clarke ha detto dell’iconico biondo bianco che ha vestito per otto stagioni. “Ecco perché non me l’hanno data quando me ne sono andata. Ora è Matt Smith che la indossa“.

MOM: Mother of Madness” è attualmente in prevendita e uscirà ufficialmente il 21 luglio.

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW con Franco Fossati e Luigi Bona. Dall'inizio degli anni Novanta è segretario del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani), Gruppo Lombardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner