Seleziona Pagina

IPOCRITA CAMBIO DI ROTTA AL TIMONE DI RED SONJA

IPOCRITA CAMBIO DI ROTTA AL TIMONE DI RED SONJA

Mentre apparentemente il nuovo corso della politica, Trump in testa, vede l’affermazione di una nuova visione nella quale prevale l’opposto dei principi del politically correct professato dal movimento Me too, la puritana e francamente piuttosto stupida industria dello spettacolo americana esclude, nonostante l’iniziale diniego, un regista del calibro di Bryan Singer dalla direzione del nuovo film Red Sonja a seguito delle accuse (peraltro non provate) di cattiva condotta in un caso di violenza sessuale.

Sarà quindi Jill Soloway, il creatore di Transparent, a prendere le redini, sia creative che tecniche, del progetto. Soloway, infatti, scriverà e dirigerà il film per il marchio Millennium Films. Recentemente, a febbraio, Avi Lerner della Millennium aveva confermato che le riprese del film erano state ritardate. Mentre Singer aveva affrontato accuse di cattiva condotta in passato, un rapporto all’inizio di quest’anno dettagliava le accuse secondo cui Singer aveva avuto rapporti sessuali inappropriati con quattro giovani, rinnovando così la reazione contro il regista di Bohemian Rhapsody che ha ripetutamente negato le accuse. In realtà, alcuni analisti hanno sottolineato come la campagna denigratoria sia stata un’abile mossa pre-Oscar proprio per screditare il regista e il film da parte di alcune lobby dell’establishment cinematografico d’oltreoceano.

La scelta di Soloway è una solida mossa strategica da parte di Lerner, considerando la sua diversa storia ed estrazione culturale. Il pluripremiato sceneggiatore e regista è, infatti, in prima linea nel movimento per la diversità e l’inclusione nel mondo dello spettacolo, sia come persona con una precisa apertura di genere che come creatore della rivoluzionaria serie di Amazon Prime incentrata sul tema dei transgender, la succitata Transparent. Non a caso Soloway ha licenziato la star Jeffrey Tambor dalla serie del 2018 dopo che due dipendenti dello show si erano fatti avanti con accuse di cattiva condotta nei confronti dell’attore.

Soloway è noto anche per la produzione dell’eccellente serie drammatica Six Feet Under e per la regia del film Afternoon Delight.

Red SonjaIl progetto Red Sonja risale al 2008, quando Robert Rodriguez annunciò che stava lavorando a una versione del film interpretata da Rose McGowan nel ruolo dell’eroina. Tuttavia, tutto il progetto non andò in porto. Nel settembre 2018 la Millennium aveva annunciato che Singer era stato ingaggiato per prenderne le redini, anche dopo essere stato licenziato da Bohemian Rhapsody per le ripetute assenze dal set che comunque non gli impedirono di firmare il film che, oltre al grande successo planetario al botteghino, ha vinto quattro Oscar.

Se la nuova scelta si rivelerà vincente solo il tempo ce lo dirà…

 

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW con Franco Fossati e Luigi Bona. Dall'inizio degli anni Novanta è segretario del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani), Gruppo Lombardo.

2 Commenti

  1. Avatar

    Non mi sembra ipocrita, se ammettono il motivo reale dell’allontanamento: sarebbe ipocrita se invece cercassero una scusa diversa. Poi può darsi che non sia legittimo, e se la dovranno vedere e loro avvocati.

  2. Sergio Giuffrida

    L’ipocrisia sta nel fatto che prima hanno detto che non importava mentre dopo hanno detto il contrario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *