Seleziona Pagina

Alla 74ma del Festival di Locarno l’animazione italiana con ‘Yaya e Lennie’

Alla 74ma del Festival di Locarno l’animazione italiana con ‘Yaya e Lennie’

Per il Locarno film Festival, tra le opere in prima mondiale scelte per festeggiare i 50 anni di Piazza Grande, ci sarà l’atteso nuovo film del pluripremiato regista di animazione Alessandro Rak, ‘Yaya e Lennie – The Walking Liberty’, in programma il 12 agosto.

Un grande momento di arte e fantasia per ripensare alle urgenze ambientali e ai valori sui quali si fonda la nostra società per un rilancio di Piazza Grande come luogo di riflessione e condivisione collettiva.

Alessandro Rak al Locarno Film Festival

Un inno alla libertà – dichiara Alessandro Rak – perché la libertà è la premessa di ogni sana scelta di vincolo amoroso oltre che l’unica via che non porti all’ovvio e all’inesorabile. Un inno al passeggio, al viaggio, al paesaggio, che sono il respiro di ogni pensiero sano. Un inno al verde, che è vita e speranza”.

Alessandro Rak con la sua nuova opera ‘Yaya e Lennie – The Walking Liberty’, porterà al Locarno Film Festival il suo immaginario poetico e coraggioso, che lo ha consacrato come uno dei talenti più innovativi del cinema d’animazione, grazie a lavori come ‘L’arte della felicità’ (2013) che ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di Best Eruopean Animated Film agli European Film Awards 2014 e ‘Gatta Cenerentola’ (2017) vincitore di due David di Donatello.

Locarno Film Festival

Le immagini di Yaya e Lennie – The Walking Liberty entreranno in risonanza con quanto è stato vissuto a livello globale nell’ultimo biennio: i due giovani protagonisti si muovono in un futuro apocalittico, in cui Napoli e il mondo intero si sono trasformati, a causa di una serie di catastrofi ecologiche, in una foresta impenetrabile.

Nella giungla del nuovo mondo, tramite la loro storia i due ragazzi rimetteranno in discussione i valori sui quali dovrà reggersi una (nuova) civiltà. Il film prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema uscirà nelle sale per Nexo Digital.

Il direttore artistico del Locarno Film Festival, Giona A. Nazzaro ha così descritto il film: “Un’avventura fantascientifica, ecologista e post apocalittica come un incrocio fra Mad Max e Blues Metropolitano. La conferma del talento creativo e visionario di Alessandro Rak. Un’opera innovativa e poetica, ricca di emozioni, guidata dallo spirito di Charlie Chaplin e John Steinbeck. Una visione profondamente umanista in perfetta sintonia con le urgenze ambientali. E, soprattutto, un film che si segnala da subito come un passo da gigante importantissimo per l’animazione Made in Italy e non solo.”

Con la 74esima edizione del Locarno Film Festival, la Piazza Grande, luogo divenuto simbolo imprescindibile e iconico della manifestazione, compie 50 anni (1971-2021), confermando la forza di questo grande schermo e di questa sala a cielo aperto che per questa edizione potrà ospitare fino a 5’000 spettatori ogni sera.

Il programma di Piazza Grande, così come quello dell’edizione Locarno74, è stato comunicato il 1° luglio.

Nel frattempo, è già possibile accreditarsi o abbonarsi tramite il sito.

Yaya e Lennie

Prix du public UBS

Yaya e Lennie – The Walking Liberty’, come tutti i film della Piazza Grande – a eccezione dei cortometraggi e dei film nella sezione Histoire(s) du cinéma e Retrospettiva – parteciperà al Prix du public UBS 2021, il premio del Locarno Film Festival assegnato dalla giuria più numerosa che si possa immaginare.

Dal 1994, infatti, a scegliere il titolo vincitore è proprio il pubblico del Festival: le migliaia di spettatori della Piazza che, ogni sera, grazie all’App ufficiale (scaricabile già da metà luglio), possono votare il loro film del cuore.

Tra i vincitori delle scorse edizioni, dal 2000 sostenute da UBS, ‘Smoke’ di Wayne Wang, ‘Death at a Funeral’ di Frank Oz, ‘I, Daniel Blake’ di Ken Loach e ‘BlaKkKlansman’ di Spike Lee.

 

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner