Seleziona Pagina

IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI A TUSCANIA

IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI A TUSCANIA
Cortometraggi a Tuscania

A Tuscania si è svolta la XII edizione di Universo Corto, il Festival Internazionale di cortometraggi tematici iniziato a Pisa nel 2004, organizzato dall’Associazione Culturale Giovani Persone.

Questo Festival è nato da un’idea di un gruppo di giovani studenti universitari, associati al circolo culturale Giovani Persone e presieduto da Maria Elena Bianchi Bandinelli Paparoni. Rivolto principalmente a studenti universitari e laureati o agli iscritti a scuole di cinema, ma anche a giovani registi del cinema indipendente.

Alla prima edizione del Festival, la presidenza della giuria vide il regista Roberto Faenza e i successivi presidenti sono stati Marco Bellocchio, Oliviero Toscani, Mario Dondero, Roan Johnson, Antonio Marras, Liliana Dell’Osso, Paolo Benvenuti e Stefano Alpini.

Robert ZemeckisAlla presidenza della giuria per l’edizione 2019 un nome noto a tutto il popolo cinefilo: Robert Zemeckis e sua moglie Leslie.

L’obiettivo del Festival era quello di contribuire alla promozione e pubblicizzazione del cinema giovanile e universitario; inizialmente sponsorizzato da università italiane e straniere e, in seguito, dal Comune di Pisa, di Saint-Tropez, dalla Regione Toscana, dalla Sterpaia di Oliviero Toscani, dai Comuni di Portoferraio e di Marciana Marina.

Il direttore artistico, Riccardo Romboli, ha annunciato le opere finaliste a Universo Corto 2019, e la premiazione e contemporanea proiezione è stata data sabato 27 Luglio.

Queste sono le opere scelte in ordine alfabetico (“cortometraggi universitari (Uni)”):

  • Sei pallavolo? di Mohammad Bakhshi (IRAN)
  • Cielo blu, terra pulita  di Mahyar Mandegar (IRAN)
  • Dispersion di Basile Vuillemin (SVIZZERA)
  • Essere umani di L. Papini-I. Martini-D. Nastri-S. Grondona (ITALIA Uni)
  • Faith di Tatiana Fedorovskaya (RUSSIA)
  • Fino alla fine di Giovanni Dota (ITALIA)
  • Gloria eterna di Yimit Ramírez (CUBA)
  • Gros chagrin di Céline Devaux (FRANCIA)
  • Il bacio di Adriano Candiago (ITALIA)
  • Il nostro concerto di Francesco Piras (ITALIA)
  • In zona Cesarini di Simona Cocozza (ITALY Uni)
  • Problema Kein di Magnus Millang (DANIMARCA)
  • La giornata di Pippo Mezzapesa (ITALIA)
  • Mai dare un fucile a un’oca di Filippo Sorvillo e Melissa Martelli (ITALIA)
  • The Silent Child di Chris Overton (Regno Unito)
  • Olive à la coque di Tommaso Beneforti & Luca Bertelli (ITALY Uni)
  • Parru pi tia di Giuseppe Carleo (ITALIA)
  • Pipinara di Ludovico Di Martino (ITALIA)
  • Prodigium A. Cracolici-I. Casiraghi-L. Menconi-G. Bertotto (ITALIA Uni)
  • Skin di Guy Nattiv (USA)
  • Sotto scacco di Andrea Stocchi (ITALY Uni)
  • U Muschittieri di Vito Palumbo (ITALIA)
  • Il tuo ultimo giorno sulla terra di Marc Martίnez (SPAGNA)
  • Zapatos de tacòn cubano di Julio Mas Alcaraz (SPAGNA)

Manifesto Univerocorto

L'Autore

Manuela Menci

Manuela Menci è nata a Firenze il 22 aprile 1952 e ha continuamente collaborato alle ricerche per i saggi del marito Giovanni Mongini. Con La Fantascienza su Internet, si è impegnata in prima persona nella ricerca dei cortometraggi, serial e film che appaiono nel volume pubblicato dalle Edizioni Della Vigna: una guida per tutti quegli appassionati di piccole rarità che cinema e TV non riescono a colmare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner