Seleziona Pagina

CHI LI HA VISTI I CHI LI HA VISTI?

CHI LI HA VISTI I CHI LI HA VISTI?

Mi tocca scrivere questo articolo perché qualche sciocchino potrebbe essersi perso la succulenta notizia dell’uscita di un’opera monumentale sul cinema di fantascienza di serie B (e non solo) apparsa sotto l’egida di Edizioni Scudo.

Se devo dirla tutta, come spesso gli accade, Mongini mi ha incastrato! Che lo si sappia a futura memoria – mia e sua.

Mi aveva detto di voler fare qualche volume per il piacere di ripercorrere i film misconosciuti cui era più affezionato, e poi, col passare dei mesi, i libri diventavano sempre di più, arrivando fino a 15. Mi ha fatto lavorare come un matto per un anno e mezzo, anche se, a dir la verità, ha fatto una bella faticata pure lui.

Mongini, come tutti noi, è un matto che ama la fantascienza come facesse parte della sua famiglia. Ha scritto decine di volumi sul cinema di fantascienza, vere e proprie enciclopedie, ma alla fine mi ha affidato un’opera unica nel suo genere.

E per certi versi, questa cosa potevamo farla solo noi di Edizioni Scudo. Altri editori gli avrebbero chiesto un impianto più coerente, magari coi film che appaiono in ordine cronologico. Ma questa opera invece è sorprendente. Non sai mai cosa troverai girando pagina, mentre Giovanni ti sommerge con le sue straordinarie conoscenze sull’argomento, magari coi pettegolezzi su attori e registi. Insomma, ancora un’enciclopedia del cinema di fantascienza, ma divertente da leggere come un’avventura. Credo che Mongini raccolga materiale sull’argomento da tutta la vita, era solo questione di tempo prima che la tirasse addosso a qualcuno.

Dal mio canto, io l’ho arricchita con immagini che sono difficili da trovare,  e persino restaurandole quando era necessario, perché magari erano la fotografia di un quadro messo di sbieco, o documenti scrostati segnati da pieghe perché troppo a lungo rimasti in uno stretto cassetto. Alle volte si trattava di immagini piccole come un francobollo e non era facile reingrandirle, perché mancavano molti dati visivi.

Per mettere una ciliegina sulla torta, il buon Vanni ha promesso a tutti che sarebbe apparso un volume al mese ed io non ero in grado di smentirlo di fronte alla comunità degli appassionati. Così ci siamo divertiti ma è stata una corsa contro il tempo. Inoltre lui raccoglie materiali e informazioni da ogni anfratto del web, così quando i suoi file arrivavano a me… spesso si comportano stranamente. A volte ho temuto di non farcela.

Poi c’è stata una svolta e le carrellate di film sono divenute anche monografie dedicate ai giganti della fantascienza, registi o scrittori (come Verne o Welles, Arnold, Guest o tecnici del settore come Harryhausen). Ma poi siamo rientrati al modulo originale (cioè: non sai cosa ti capiterà alla prossima pagina).

E alla fine, per terminare coi fuochi artificiali, ma che cinema di serie B! (ma mi faccia il piacere!, direbbe Totò), ci siamo trovati in presenza dei veri fuori classe del genere (2001 odissea nello spazio, Il pianeta proibito, Ultimatum alla Terra!), di veri capolavori cinematografici anche in senso assoluto.

Era però una scappatella doverosa. Primo per festeggiare il coronamento di un impresa che, lasciatecelo dire, per i tempi in cui si è sviluppata, è stata davvero eccezionale. Secondo perché, in questa epoca, ingorda di immagini ma che crede di saper tutto solo perché tutto si può trovare su Internet, anche queste meraviglie rischiano di venire dimenticate.

L'Autore

Giorgio Sangiorgi

Sangiorgi lavora e vive a Bologna. Dopo un esordio nel campo del fumetto, ha vinto alcuni premi letterari locali per poi diventare uno degli autori e dei saggisti della Perseo Libri Il suo libro "La foresta dei sogni perduti" ha avuto un buon successo di pubblico. Ora pubblica quasi esclusivamente in digitale e alcuni suoi racconti sono stati tradotti e pubblicati in Francia e Spagna.

1 commento

  1. Sergio Giuffrida

    Molto interessante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *