Seleziona Pagina

Un’amabile conversazione intelligente tra Denis Villeneuve e James Cameron

Un’amabile conversazione intelligente tra Denis Villeneuve e James Cameron

Denis Villeneuve e James Cameron si sono incontrati su Zoom internazionale a novembre per  Variety Directors on Directors presentato da MGM Studios e United Artists Releasing.

I due autori di fantascienza non hanno perso molto tempo a curiosare sui rispettivi film.

Cameron ha ripetutamente elogiato l’adattamento di Villeneuve del romanzo di fantascienza di Frank Herbert “Dune” – sull’ascesa di Paul Atreides (Timothée Chalamet) – che è stato diviso in due parti (la seconda dovrebbe debuttare nell’ottobre 2023).

Villeneuve ha interrogato Cameron sui quattro sequel di “Avatar” che sta realizzando da quasi un decennio con un cast in gran parte nuovo e giovane (il primo dei quali è previsto per la prima volta nel dicembre 2022).

Da parte sua, Cameron era particolarmente innamorato del modo in cui Villeneuve si è avvicinato alla portata cosmica della storia messianica e sconvolgente di Herbert, e l’ha paragonata ad alcuni dei film più duraturi del cinema.

È qualcosa di innato in te?” ha chiesto Cameron a Villeneuve. “Stavi provando uno stile che non avevi mai fatto in questo film?

Direi che l’idea era di cercare di riportare l’umanità nella sua giusta posizione nell’ecosistema, come nel libro in cui gli umani non hanno il controllo della natura“, ha risposto Villeneuve. “Non ci sono molte inquadrature di mezzo: paesaggi e volti.”

All’inizio della conversazione, Denis Villeneuve non riesce a nascondere l’ansia e il suo senso di meraviglia, quando incontra James Cameron (su Zoom internazionale, con Villeneuve a Los Angeles e Cameron in Nuova Zelanda).

È un onore per me parlare con te“, dice il regista di 54 anni di “Arrival” al regista di 67 anni di “Aliens“. “Sono un grande fan del suo lavoro, signore, da… molto tempo.”

Non farmi sentire troppo vecchio adesso“, risponde Cameron con un sorriso.

Ben presto, però, i due celebri registi parlano come vecchi amici.

Cameron elogia ripetutamente l’adattamento di Villeneuve del romanzo di fantascienza di Frank Herbert ” Dune ” – sull’ascesa di Paul Atreides (Timothée Chalamet) – che è stato diviso in due parti (la seconda dovrebbe debuttare nell’ottobre 2023).

Villeneuve interroga Cameron sui quattro sequel di “Avatar ” che sta realizzando da quasi un decennio con un cast in gran parte nuovo e giovane (il primo dei quali è previsto per la prima volta nel dicembre 2022).

Nel corso di un’ora, i due confrontano le loro filosofie dietro i rigori della costruzione dei rispettivi pianeti di Arrakis e Pandora, e condividono le loro ottimistiche prospettive su come lo streaming sta trasformando la loro industria.

James Cameron:

Vorrei iniziare dicendo che è un piacere conoscerti e congratularmi con te per il tuo film trionfante “Dune”. Solo per dire in anticipo, prima di iniziare a tormentarti con le domande, quanto amo il film. Alla fine di due ore e mezza, non volevo che finisse. volevo di più. Per fortuna, farai la “Parte Seconda”.

Denis Villeneuve:

Sì. Sono un po’ responsabile dell’idea che ho deciso di dividere il primo libro in due parti. È un libro che prende il suo potere nei dettagli, nel modo in cui Frank Herbert lo ha affrontato: ecologia, biologia, tutte le diverse tribù, tutte le diverse culture. Volevo cercare di mantenere la maggior parte dell’essenza, e sembrava troppo denso per un film. Allo studio generalmente piace l’idea di diversi film, quindi non ho dovuto lottare per questo.

Cameron:

Sì, penso che stia cambiando. Questa idea di un film come un’isola è andata via. Le persone vogliono personaggi su cui investire nel tempo. In che modo quel senso di voler onorare i dettagli di Herbert ha influenzato il tuo stile visivo?

Villeneuve:

Ho fatto del mio meglio per mettere gli ecosistemi al centro del progetto. Sembrerà [come] tutto è stato influenzato dalla biologia, dalla natura. Stavo cercando di allontanarmi dalla fantasia, di portare quanta più scienza in essa. Anche se è un mondo immaginario, le cose obbediranno alle leggi della natura, della gravità, dell’aerodinamica, della fisica. Quando ho letto il libro a 13 anni, ho avuto una lettura molto viscerale la prima volta. È un libro intellettuale, ma ho cercato di tornare a quella visceralità mentre disegnavo, dirigevo, tutto.

Cameron:

È un bellissimo libro. Altri registi hanno cercato di rendergli il dovuto omaggio e non ci sono riusciti. Voglio solo dire in anticipo, penso che tu sia il primo ad avere veramente successo. Mentre cercavi di decifrare il codice del libro e adattarlo a una sceneggiatura e, in definitiva, a un film, in che modo questo ha influenzato le decisioni individuali?

Villeneuve:

Riguarda sempre il tuo rapporto intimo con il progetto. Qualcosa che non è interessante per il pubblico o per chiunque altro tranne me. È come una specie di bussola. Cerco di stare il più vicino possibile al libro. Ho detto alla mia equipe: “Questa è la Bibbia. Vorrei che ci discostassimo il meno possibile dal libro”.

Ci sono somiglianze tra le idee dietro “Dune” e “Avatar”, ma avevo quel riferimento. Avevo il vangelo di Frank Herbert. Sei partito da zero. Hai creato quel mondo. Con tutto il mio rispetto, deve essere stato scoraggiante?

Cameron:

Ma ho avuto la grande provocazione di un libro come “Dune” e dei dettagli a cui Herbert è andato nel creare un’ecologia, una cultura e un’economia interstellare. Sai cosa devi fare per competere con una visione di livello mondiale come quella. Non era esattamente una tabella di marcia, ma era sicuramente una bella sfida da raccogliere.

La cosa che mi colpisce di “Dune” è che è davvero epico. Quando uso la parola “epico”, la sto usando in un modo molto specifico, che significa come un film di David Lean, o in larga misura come i film del “Signore degli Anelli”. Ma quando penso a film che contengono eventi epici, come ad esempio un film dell’Universo Marvel in cui intere città vengono distrutte e così via, non mi sembrano epici. Sembra che tu abbia la disciplina, il vocabolario, del vero cinema epico, quel tipo di grande inquadratura da proscenio che viene appena presentata e si prende il suo tempo con la musica e così via. È solo innato in te? Stavi provando uno stile su questo film che non avevi fatto?

Denis Villeneuve: una scena di Dune

Villeneuve:

Direi che l’idea era quella di cercare di riportare l’umanità nella sua giusta posizione nell’ecosistema, come nel libro in cui gli umani non hanno il controllo della natura. Non ci sono molte inquadrature di mezzo: paesaggi e volti. Ho imparato a conoscere il potere del paesaggio lavorando sui documentari al National Film Board of Canada quando ero assistente di Pierre Perrault, un documentarista. Siamo andati vicino al Polo Nord sull’isola di Ellesmere. Abbiamo trascorso diverse settimane lì.

Cameron:

Non ci sono stato, ma ne so qualcosa perché hanno fatto alcuni progetti di simulazione di Marte lassù su Ellesmere.

Villeneuve:

Quello che mi ha stupito sono tutte le emozioni che arrivavano ogni mattina quando ti svegliavi. Sembrava così cinematografico all’epoca. È stata una lezione molto importante per me, come ascoltare la natura e il potere della natura per creare cinema. Fa parte della mia, diciamo, scuola di cinema. Questo porta una domanda. Come regista, mi ispiro alla realtà. Ho bisogno di qualcosa di tangibile e quando sono in un ambiente virtuale, la mia energia viene risucchiata. È come se non avessi niente su cui basarmi. Hai tutta la mia ammirazione perché, credo, lavori principalmente in un ambiente virtuale e non ho idea di come puoi mantenere viva la tua creatività in quel tipo di ambienti. Mi stupisce il modo in cui lavori.

Cameron:

Beh, mi occupo di cinema da circa 40 anni. Ho iniziato con tutti i veri set e i veri trucchi, tutti in camera, e ne ho fatto una disciplina estetica. Se non l’avessi fatto, non credo che potrei fare tutte le cose virtuali ora. Penso che la tua esperienza nel documentario ti abbia dato abbastanza, perché stai chiaramente lavorando anche con gli effetti visivi e mescoli i due perfettamente. L’ultima volta che ho controllato, non c’erano vermi della sabbia lunghi 400 metri che potevi richiamare…

Villeneuve:

( ride ) Processo di casting molto lungo, devo dire.

Cameron:

Mi ha colpito il fatto che tu abbia costruito il più possibile. Potresti sentirlo. Pensavo che il passaggio alla CG stesse avvenendo un po’ più lontano dalla telecamera rispetto a un film “Avatar”. Sento anche che hai cercato molto duramente di mettere l’estetica cinematografica nelle tue riprese in CG. Ci sono molti riflessi sull’obiettivo, c’è molta illuminazione quasi abbagliante. Sono immagini bellissime, ma sono volutamente imperfette in modo da sembrare fotografiche.

Villeneuve:

Grazie. Diventerò un po’ tecnico. È molto raro per me averti di fronte a me. Lavori totalmente in ambienti virtuali in cui hai una sorta di pre-visto del mondo? Sul mio set avevo un iPad dove potevo effettivamente vedere un edificio [in CG], ma ero ancora in un ambiente reale. Ma sei nel mondo virtuale totale. La tua messa in scena è così precisa. Dovevi conoscere questo mondo con una tale intimità, come se fossi stato lì per davvero. Penso che dovrei seguirti per qualche giorno per capire!

James Cameron e Avatar

Cameron:

Oh, non credo. Penso che tu stia bene. Due cose. Primo, ho riunito il miglior team di designer che potevo. Quindi, in pratica, abbiamo creato un ambiente virtuale come un videogioco. E come il tuo iPad, sono stato in grado di muovermi all’interno di quello spazio e chiedere agli attori: “Cosa vuoi fare?” Mentre mettiamo insieme una scena, se volessi spostare una cascata laggiù, o un dirupo laggiù, potrei farlo abbastanza rapidamente in quel mondo virtuale.

Quando siamo arrivati ​​ai sequel, abbiamo speso molti soldi per formalizzare quel processo e creare quello che chiamiamo Simulcam. Sono in grado di guardare attraverso la mia videocamera live action e vedere le estensioni impostate automaticamente, in tempo reale. Quindi, comunque giro le ruote, perché mi piace operare, posso guardarmi intorno in quel mondo e comporre all’interno del mondo in live action. Ci sono voluti sei anni di sviluppo per arrivare a quel livello. Il materiale per la cattura delle prestazioni è molto specifico per “Avatar”, ma penso che il materiale Simulcam possa essere applicato a qualsiasi film fantasioso che richieda qualcosa al di là dell’azione dal vivo.

Villeneuve:

Per i tuoi attori, se sono in una foresta, hanno un riferimento dal vivo di fronte a loro, o è proprio come la struttura blu in cui stanno camminando? Come portare sensualità, qualcosa di tattile?

Cameron:

Ho portato gli attori in quella che ho chiamato un’odissea della memoria sensoriale. Siamo andati a Kauai. Abbiamo vissuto nella foresta pluviale per alcuni giorni. Abbiamo cucinato nei focolari sotterranei. Abbiamo bevuto acqua dalle foglie. Dissi: “Va bene, cammineremo su un sentiero e voglio che tu osservi il più possibile su come metti i piedi, come metti le mani quando sali su una sezione ripida. Dovrai ricordarlo, com’era, che odore aveva e dovrai riportarlo in un ambiente relativamente sterile”. Abbiamo appena intrapreso quel viaggio.

James Cameron e Avatar

Villeneuve:

Quando guardo “Avatar”, è così esotico. Stavo andando in una direzione diversa, che è qualcosa di più familiare. Non è meglio o peggio, è solo una sensazione diversa che stavo cercando. Volevo portare Arrakis più vicino a noi, perché significava che il pubblico avrebbe avuto una sensazione di realismo per essere quindi più toccato dal viaggio di Paul. Tu, credo, riesci ad andare in una direzione completamente diversa.

Cameron:

Non così diverso, perché ho cercato dei veri e propri punti di riferimento della realtà quotidiana nell’ambiente umano. Se posso usare un esempio di ciò di cui parli all’interno del tuo film, c’è un’inquadratura molto specifica di tre ornitotteri. Inizialmente ne vedi due e sono impilati su un’inquadratura molto lunga. Poi un terzo piomba in primo piano. Hai reso immediatamente familiare il design del tuo aereo esotico. Abbiamo visto tutti quella scena in “Black Hawk Down” o altro. Giusto?

Villeneuve:

Esatto! Sei il primo a menzionarlo. È un omaggio a Ridley [Scott]. Volevo avere esattamente quella risposta inconscia nella mente del pubblico, pensando che quelle macchine potessero essere reali. Hai fatto lo stesso con “Avatar” quando stavi progettando le tue antenne, usando obiettivi che sembravano radicati nella realtà.

Cameron:

Penso che il classico errore che le persone commettono quando usano la computer grafica per una scena in elicottero è che l’elicottero si avvicini all’obiettivo. Chiunque abbia mai sparato in aria sa che non puoi farlo. Penso che molti artisti della computer grafica non siano emersi nella fotografia come abbiamo fatto noi, il che ci dà un po’ di vantaggio, credo.

Adesso ho intenzione di lasciarmi andare e di essere un fan. Parlami di come hai visto Shai-Hulud [i vermi della sabbia]. L’hai presentato come questa forza vasta, quasi divina. Ho letto il libro mezzo secolo fa, anche se per me è ancora abbastanza vivido. Avevo dimenticato che i Fremen lo adoravano come una divinità. Mi sembrava che per te fosse quasi più rappresentativo della natura, come questa forza elementare grezza. Qual è stato il tuo processo di pensiero?

Villeneuve:

L’idea nel libro, come hai giustamente detto, è una figura che rappresenta una sorta di figura divina per i Fremen. È il loro collegamento principale con l’ecosistema. Tutto è incentrato su quella figura del verme. È stato un lungo sviluppo. L’idea principale era provare a creare un animale che ha bisogno di sopravvivere nell’ambiente più duro e duro. Il modo in cui abbiamo progettato la pelle, il modo in cui abbiamo progettato i suoi movimenti, era tutto collegato a questa idea di sopravvivere nel profondo deserto, cercando di farcela.

Cameron:

L’organo vocale che metti alla base di quelle vaste fauci – all’improvviso, sta parlando con il nostro ragazzo, o comunicando qualcosa. Per me, il film è salito a un livello superiore in quel momento. Ho davvero sentito la sua connessione, il suo destino con il verme.

Villeneuve:

L’idea qui era di provare a creare un incontro tra due specie che, da un punto di vista esterno, può sembrare un miracolo. È uno studio sulle figure messianiche. Volevo [che] il miracolo di Paul potesse essere spiegato scientificamente.

Cameron:

Ma la gente non lo interpreterà in questo modo.

Villeneuve:

Sì, esattamente.

Cameron:

Hanno il permesso di interpretarlo spiritualmente o religiosamente, o accettano la spiegazione laica e scientifica. Questo è quello che ho chiesto ai miei scrittori di fare con me nei sequel di “Avatar”. C’è un’intera linea messianica in queste storie, ancora una volta, probabilmente ispirata a “Dune”. L’idea che ci sia una spiegazione scientifica per ogni singola cosa che accade, ma non devi accettarla. Puoi anche accettarlo a un livello che non richiede spiegazioni. Mi ritrovo attratto da temi spirituali, prendendomi allo stesso tempo per il collo e dicendo: “Ma tu sei un empirista! Non credi nel soprannaturale!” Ma io sì, nel senso che ci sono così tante cose che non capiamo. La natura è così vasta. La natura è il miracolo.

Villeneuve:

Esatto. Siamo della stessa religione.

Cameron:

Per creare quel senso di realtà di cui hai parlato, deve avere la realtà del cuore e delle emozioni umane, cosa che molti registi perdono nella distesa di una narrazione grande ed epica. La chiave per questo è il casting. Come hai fatto a far partecipare attori così straordinari in questo mondo inventato?

Villeneuve:

Casting – è come un cliché – ma sento davvero che è probabilmente la parte più stressante del processo per me. Fortunatamente, ti dirò, il libro ha creato molto entusiasmo nella comunità degli attori.

Denis Villeneuse con Timothée Chalamet

Cameron:

Chalamet è una scelta così ovvia una volta che l’hai visto nel ruolo. È sempre stato ovvio per te, o lo stavi esplorando e sei inciampato su di lui?

Villeneuve:

Era la mia unica scelta per diversi motivi. Prima di tutto, per le sue doti di attore. È un giovane attore davvero solido. Ha un’anima antica per lui. Allo stesso tempo, sembra tremendamente giovane sullo schermo. Paul Atreides dovrebbe avere 16 anni nel libro, o qualcosa del genere. Avevo bisogno di qualcuno che assomigliasse a un vecchio adolescente che sta per diventare un uomo.

Cameron:

Sì, e non è ancora un uomo. È sulla cuspide.

Villeneuve:

È un giovane molto mascolino, ma ha qualcosa di femminile dentro di sé.

Cameron:

Stavo per dirlo. Ha un’energia femminile.

Villeneuve:

Questo per me è Paul Atreides. C’è qualcosa in Paul da giovane che trarrà tutto il suo potere dal suo lato femminile, dal lato di sua madre. Ho pensato che fosse un’idea molto potente nel libro.

Cameron:

E il suo stile di combattimento non era basato sulla forza, era basato sulla velocità e fluidità di movimento. Anche quando faceva la tipica cosa maschile – niente di più maschile di una coltellata – si muoveva come l’acqua.

Villeneuve:

Fai molte prove prima di girare, o sei una persona che preferisce la spontaneità?

Cameron:

Mi piace la preparazione e la spontaneità. Mi piace cercare di trovare il momento chiave di una scena con gli attori molto in anticipo, così posso sempre proteggerlo dal punto di vista filmico in seguito, così so dove stiamo andando. Ma poi c’è il giorno in cui mi piace davvero dare loro molta libertà di esplorare e provare cose diverse. Perché se non ci sono fulmini improvvisi che divertimento c’è?

Villeneuve:

Quindi hai fatto delle prove prima?

Cameron:

Molto prima. Forse due o tre settimane prima dell’inizio delle riprese. Voglio solo che abbiano la certezza di sapere chi sono lì nella storia e nel complesso del percorso.

Villeneuve:

Da quel processo, a volte cambi la sceneggiatura?

Cameron:

Oh certo. Presumo sempre che vorrei potermi permettere uno scrittore migliore. ( Risate ) Me l’ha insegnato Bill Paxton, ai tempi. Entrava con così tanti assurdi slang ed espressioni del Midwest che non avevo mai sentito prima. Direi a tutti che se volete presentarvi con qualcosa in più, per me va bene.

Villeneuve:

Quando ho deciso di tagliare il film in due parti, ho proposto lo studio, giriamo entrambe le parti. Hanno detto, giriamo la prima parte, vediamo come va, perché era un po’ caro per loro. Ho acconsentito. Oggi sono grato che sia andata così, perché francamente non so se avrei avuto la resistenza necessaria per poter sostenere un doppio tiro. Dopo aver girato la prima parte, ero esausto.

Stai pianificando quattro film contemporaneamente. Mi sbalordisce come qualcuno possa avere l’energia per impegnarsi per alcuni, non so, 10 anni. Come trovi l’energia?

James Cameron e Avatar

Cameron:

Beh, è ​​stata una decisione impegnativa perché volevo farlo bene, o semplicemente non farlo. Ho appena preso questa – immagino, strana – decisione che tutto ciò che avevo bisogno di dire artisticamente sulle cose che erano importanti per me, potevo dirlo all’interno della struttura dell’universo che sapevo che poteva essere. Proprio come “Dune” si svolge attraverso i mondi, i successivi “Avatar” si svolgono attraverso … due mondi, perché parte di esso si svolge sulla Terra mentre la storia si evolve e diversi biomi all’interno. Arrakis è il pianeta desertico, giusto?

Villeneuve:

Un ecosistema.

Cameron:

La Terra non è un ecosistema. Ha il deserto, ha la foresta pluviale, ha l’oceano, la foresta polare, boreale e così via. Così ho detto, mi ispiro alla Terra. Farò un pianeta così ricco e così complesso che ha così tanti ecosistemi diversi tanto da poter passare qui tutto il tempo che voglio.

Ma poi, penso che quello di cui stai parlando sia l’esecuzione, l’uscire e farlo davvero.

Villeneuve:

Sì! Uscirne vivi!

James Cameron

Cameron:

Potrei averlo sottovalutato. Non ne sono ancora uscito vivo… “2” è completamente fatto. Abbiamo un taglio funzionante che stiamo riempiendo negli effetti visivi all’interno. Mi sento abbastanza sicuro di quel film. “3” è ancora un po’ oscuro. È troppo lungo. Non ho ancora trasformato la mia energia in un processo di taglio disciplinato su questo. Ma so di avere le prestazioni e le intuizioni giuste. Questa è la cosa importante. Ho fatto gran parte del lavoro e la maggior parte delle riprese live action. Devo ancora qualcosa ad alcuni dei personaggi adulti. Eravamo più preoccupati per i bambini che invecchiano. Devi darti da fare prima di Timothée…

Villeneuve:

Già gli crescerà la barba! ( Risate ) È affascinante. Hai girato tutto nello stesso tempo o ti stai muovendo negli anni?

Cameron:

Abbiamo mescolato i programmi per “2” e “3”, in base ai tipi di scene e agli ambienti. Ho detto, trattiamola come se fosse una miniserie di sei ore e andremo a Francoforte solo una volta. Gireremo tutte le scene di “2” e “3” contemporaneamente. Questo era più o meno il motivo. Anche la disponibilità degli attori è stata un problema. Tutto ciò che doveva essere fatto con un attore specifico, abbiamo fatto tutte le scene di “2” e “3” insieme – e un po’ di “4”. Perché ancora una volta ho dovuto pensare ai bambini. Possono invecchiare sei anni nel mezzo della storia a pagina 25 del film “4”. Quindi avevo bisogno di tutto prima di allora, e poi quello che manca lo faremo dopo.

Villeneuve:

Devo dire una cosa, non rendi le cose facili con te stesso.

Cameron:

Siamo entrambi coinvolti in questi grandi tipi di esperienze cinematografiche che devono essere viste in un cinema. Pensi che l’idea di cosa sia un film si stia ridefinendo, come se il terreno si spostasse sotto i nostri piedi in questo momento?

Villeneuve:

Che cos’è il cinema? Per me è catturare immagini. È qualcosa che può essere fatto in diverse dimensioni dello schermo. Il mio problema è il pericolo di fare film che sono costruiti come un franchise che porta il linguaggio del cinema alla struttura della televisione. Lo vedo con alcuni franchise che in questo momento sembrano molto ‘televisivi’. Parlo ovviamente della lingua.

Cameron:

Certo, il linguaggio narrativo.

Villeneuve:

Sono molto ottimista. Penso che prevarrà l’esperienza teatrale. Penso che abbiamo bisogno di questo tipo di [esperienza] massiccia, immersiva e fisica: il suono, con il sistema Atmos o IMAX, diventa fisico. È qualcosa che non può essere riprodotto in casa. Non c’è niente di più potente che condividere un’emozione insieme in un teatro. Penso che come esseri umani abbiamo bisogno di quel tipo di connessione. Penso che non siamo fatti per essere isolati. Quindi sono ottimista. Spero che il linguaggio del cinema non diventi troppo simile alla TV.

Cameron:

Se sai che il tuo personaggio sopravviverà sempre in modo da poter fare un altro film, allora non c’è un vero pericolo. Non c’è ansia da parte del pubblico che qualcuno di cui si sono innamorati stia per morire. Ma tu questo lo sai.

Villeneuve:

Qual è la tua opinione sull’esperienza teatrale e sullo streaming? Hai paura dell’evoluzione delle cose in questo momento?

Cameron:

Non ho paura. mi piace cambiare. Sono un bambino degli anni ’60. Mi piace quando le cose sono caotiche. Penso che ciò che possiamo vedere sia una forma espansa di cinema. Voglio fare un film che duri sei ore e due ore e mezza allo stesso tempo. Stesso film. Puoi trasmetterlo in streaming per sei ore, oppure puoi andare a vivere una versione più condensata, sulle montagne russe e coinvolgente di quell’esperienza in un cinema. Stesso film. Solo, uno è il romanzo e l’altro è il film. Perché no? Usiamo queste piattaforme in modi che non sono mai stati fatti prima.

Villeneuve:

È sempre affascinante sentirti pensare al futuro delle cose. È stato un onore per me.

Cameron:

È stato un onore anche per me. Congratulazioni. Come si dice su Pandora, ‘ti vedo’.

Avatar 2 di James Cameron

Villeneuve:

Esatto. Non vedo l’ora di sedermi in un teatro a guardare il nuovo “Avatar”. sarò il primo.

Il cast di Dune

Cameron:

Sarò il primo anch’io per la seconda parte di “Dune”. Fidati di me su questo.

Sergio Giuffrida
+ posts

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner