Seleziona Pagina

SERIE TV, CANCELLAZIONI E RINNOVI: SWAMP THING E LUCIFER

SERIE TV, CANCELLAZIONI E RINNOVI: SWAMP THING E LUCIFER

Swamp Thing scivola nelle sabbie mobili della burocrazia americana.

Prodotta dalla Warner nello stato del North Caroline dietro le assicurazioni di sovvenzioni e uno sconto fiscale pari a circa 40 milioni di dollari, la serie televisiva aveva avuto alti costi di produzioni per ottenere l’alta resa di qualità richiesta (capirete quando vedrete entro la fine di quest’anno il prodotto anche in Italia). Così, quando lo stato ha annunciato di non riuscire a rispettare gli accordi, la Warner ha chiuso i rubinetti e sospeso la già prevista seconda stagione della serie.

Swamp Thing

Swamp Thing era tratta dal noto fumetto creato per la Vertigo da Len Wein e Berni Wrightson nel 1971. La casa madre, una sottoetichetta della DC, ne ha realizzato quattro serie regolari e diversi speciali; particolare rilievo artistico ha avuto il ciclo scritto da Alan Moore, che ha gestito la seconda serie dedicata al personaggio dal 1984 al 1987.

La serie televisiva, che vede protagonisti Henderson Wade, Jennifer Beals, Andy Bean, Derek Mears, Will Patton, Crystal Reed, Maria Sten e Kevin Durand, parte da un misterioso e mortale virus nato tra le paludi della Louisiana. Sul fatto investiga la ricercatrice del CDC Abby Arcane (Crystal Reed), che ritorna così nella sua città natale di Houma e stabilisce un forte legame, anche sentimentale, con il collega Alec Holland. Quest’ultimo, però, il quale perisce in seguito a tragici e non del tutto chiari eventi. È così che lentamente si innesta la ricerca/scoperta delle arcane proprietà della palude, dando alla scienziata la speranza che il suo amore non sia perso per sempre.

La serie, che vede Mark Verheiden e Gary Dauberman come produttori esecutivi insieme a James Wan e Michael Clear per il marchio Atomic Monster (e quindi probabilmente come responsabili dello sforamento dei costi…), ha tra i suoi eccellenti comprimari Virginia Madsen, Jeryl Prescott e Will Patton.

A titolo di curiosità va detto che questo non è il primo adattamento per il piccolo schermo della serie, che oltre ad innumerevoli versioni a disegni animati ha avuto una live-action durasta tre stagioni tra il 1990 e il 1993 interpretata da quel Dick Durock che riprendeva il ruolo già portato sul grande schermo nei due lungometraggi Swamp Thing – Il mostro della palude (1982) diretto da Wes Craven e Il ritorno del mostro della palude (The Return of Swamp Thing, 1989) firmato da Jim Wynorski.

Notizie più positive invece per la serie Lucifer: la popolare comedy fantastica ripresa da Netflix dopo l’abbandono da parte di Fox e l’acquisizione da parte di Warner in associazione con Jerry Bruckheimer, avrà infatti una quinta e ultima stagione dove molti dei fili rimasti in sospeso troveranno finalmente una soluzione. La quarta stagione ha debuttato a maggio ed è attualmente in streaming sulla piattaforma Netflix anche in Italia. Basato sui personaggi creati da Neil Gaiman, Sam Kieth e Mike Dringenberg per la Vertigo – DC Entertainment, è stato Tom Kapinos ha svilupparlo per la televisione, grazie anche all’affiatato cast composto da Lauren German, Kevin Alejandro, D.B. Woodside, Lesley-Ann Brandt, Scarlett Estevez,  e Rachael Harris.

Siamo incredibilmente grati a Netflix per aver resuscitato il nostro show la scorsa stagione, permettendoci ora di terminare la storia di Lucifer alle nostre condizioni,” hanno detto gli showrunner della serie Joe Henderson e Ildy Modrovich. “E soprattutto, vogliamo ringraziare i fan per la loro incredibile passione e supporto. Il meglio deve ancora venire!

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW con Franco Fossati e Luigi Bona. Dall'inizio degli anni Novanta è segretario del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani), Gruppo Lombardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *