Seleziona Pagina

È morto Christopher Plummer

È morto Christopher Plummer

Christopher Plummer, l’attore shakespeariano di origine canadese che ha recitato in film come ‘The Sound of Music’ e ‘Beginners’, è morto venerdì mattina 5 febbraio nella sua casa nel Connecticut. Aveva 91 anni.

Chris era un uomo straordinario che amava e rispettava profondamente la sua professione con grandi maniere all’antica, umorismo autoironico e musica di parole’, ha detto Lou Pitt, suo amico di lunga data e manager da 46 anni. ‘Era un tesoro nazionale che apprezzava profondamente le sue radici canadesi. Attraverso la sua arte e umanità, ha toccato tutti i nostri cuori e la sua vita leggendaria durerà per tutte le generazioni a venire. Sarà per sempre con noi’.

Christopher Plummer nelle vesti del Capitano Von Trapp

Christopher Plummer nelle vesti del Capitano Von Trapp

Christopher Plummer: The Sound of MusicUn’imponente presenza teatrale con una voce ben coltivata e risonante, Plummer era meglio conosciuto per aver interpretato il Capitano Von Trapp nel musical vincitore dell’Oscar ‘The Sound of Music’. Ha anche vinto un Oscar nel 2012 per la sua interpretazione non protagonista nel film ‘Beginners’, diventando l’attore più anziano ad aver mai vinto l’Oscar come attore non protagonista.

Ha avuto una lunga e acclamata carriera sul palco, con due Tony Awards. Al cinema, era anche noto per ‘The Insider’, “L’esercito delle 12 scimmie’, ‘Star Trek VI: The Undiscovered Country’ e ‘A Beautiful Mind’, mentre ha contribuito alle voci per ‘Up’, ‘An American Tale’ e Serie TV ‘Madeline’.

Il suo primo serio successo di critica è arrivato per la sua interpretazione ribelle con una causa di ‘Enrico V’ allo Stratford Festival nel 1956. Ha trionfato anche nei panni di Iago al fianco di James Earl Jones in ‘Othello’ a Broadway nei primi anni ’80. come in ‘Macbeth’ con Glenda Jackson.

Altri momenti salienti includevano ‘La caccia reale del sole’ e un revival di ‘No Man’s Land’ di Harold Pinter insieme a Jason Robards. Ha vinto il suo primo Tony Award nel 1974 per il musical ‘Cyrano’ e un secondo nel 1996 per ‘Barrymore’, basato sulla vita dell’attore John Barrymore.

Negli ultimi anni ha recitato in vari secondari, inclusa la sua apprezzata interpretazione del giornalista di ‘60 Minutes’ Mike Wallace nel film ‘The Insider’ di Michael Mann e nei panni di Franklin Delano Roosevelt nel telepic della HBO ‘Winchell’, diretto da Paul Mazursky.

Ha vinto un Emmy per la miniserie ‘The Moneychangers’ e un altro per la sua narrazione dello speciale per bambini ‘Madeline’.

Nato come Arthur Christopher Orme Plummer a Toronto, è cresciuto a Montreal, dove ha frequentato la Jennings Private School.

Ha debuttato sul palcoscenico in una produzione del 1948 di ‘Cymbeline’ al Canadian Repertory Theatre di Ottawa, seguito subito dopo da una produzione televisiva della CBC di ‘Othello’.

Dopo il trasferimento a New York all’inizio degli anni ’50, ha lavorato a lungo in televisione in diretta in spettacoli come ‘Kraft Television Theatre’, ‘Hallmark Hall of Fame’, ‘Producers Showcase’, ‘Appointment With Adventure’ e ‘Omnibus’.

Il suo debutto a Broadway è avvenuto con Katherine Cornell nel film del 1954 ‘The Starcross Story’.

L’anno successivo Judith Anderson è stata la sua co-protagonista in una produzione parigina di ‘Medea’, e lo stesso anno è apparso come Conte di Warwick con Julie Harris in una produzione newyorkese di ‘The Lark’ di Jean Anouilh.

È anche apparso in ‘JB’ di Archibald Macleish, diretto da Elia Kazan.

I critici, tuttavia, si sono alzati e hanno preso nota quando ha recitato nella produzione dello Stratford Festival di ‘Henry V’ nel 1956.

È stato il primo canadese scelto da Tyrone Guthrie per dirigere una produzione, ha detto una volta al Los Angeles Times; prima del turno di Plummer, Stratford presentava principalmente attori inglesi come Alec Guinness e James Mason. ‘Da quel momento in poi il mio nome era sopra il titolo’, ha detto.

Ha continuato a interpretare tali ruoli ‘Hamlet’ (1957) in un’acclamata produzione televisiva britannica e, a Stratford, Sir Andrew Aguecheek in ‘La dodicesima notte’, Benedick in ‘Molto rumore per nulla’ (1958) e Mercurio in ‘Romeo e Juliet’ nel 1960. Ha fatto il suo debutto a Londra in ‘Becket’ nel 1961 come Enrico II, ruolo che gli è valso il premio London Evening Standard.

Il debutto cinematografico di Plummer è avvenuto con ‘Stage Struck’ di Sidney Lumet nel 1958. Ma ‘The Sound of Music’ del 1965 è stato il suo film più visto, anche se aveva poco rispetto per ‘The Sound of Mucus’, come lo chiamava lui, e la sua voce è stato doppiata per i numeri musicali. Ha lavorato stabilmente durante il periodo in film tra cui ‘La caduta dell’Impero Romano’, ‘La notte dei generali’ e ‘Dentro Daisy Clover’, ma ha soprannominato la maggior parte di loro ‘orribile’.

A metà degli anni ’60, disse una volta alla rivista Ageless, aveva due matrimoni falliti alle spalle e il suo bere era fuori controllo. Ma con l’aiuto della sua terza moglie, l’ex attrice britannica Elaine Taylor, ha resuscitato la sua carriera. Nel 1973 ha ideato e diretto una serata di temi d’amore shakespeariani dal titolo ‘Lovers and Madmen’, che appare al fianco di Zoe Caldwell, e l’anno successivo ha ottenuto un Tony per il musical ‘Cyrano’. Ha interpretato il ruolo di Rudyard Kipling nel film di John Huston ‘L’uomo che volle farsi re’ (1975) e come Sherlock Holmes nel film del 1980 ‘Murder by Decreto’. Durante questo periodo ha vinto un Emmy nella miniserie della NBC ‘The Moneychangers’ (1976) e ha recitato nella produzione televisiva di Paul Newman ‘The Shadow Box’ nel 1980. Ha anche prestato la sua voce alla serie per bambini ‘Madeline’, raccogliendo un altro Emmy e il film d’animazione ‘An American Tail’.

Christopher Plummer in "Scontri Stellari"

A titolo di curiosità va anche segnalato il suo ruolo di imperatore nel fantascientifico italiano ‘Star CrashScontri Stellari oltre la terza dimensione’ di Luigi Cozzi al fianco di Caroline Munro.

Quando Plummer tornò a Broadway nel 1982, il critico del New York Times Walter Kerr definì il suo ruolo ‘molto probabilmente il miglior singolo shakespeariano che abbia avuto origine in questo continente ai nostri tempi’. Ha girato il paese in una produzione di ‘Macbeth’ con Glenda Jackson nel 1988 e si è presentato in ruoli di personaggi diversi come in ‘Dragnet’, ‘12 Monkeys’, ‘Star Trek VI: The Undiscovered Country’ (a cui ha prestato un debole aria shakespeariana) e ‘Dolores Claiborne’.

Ha lavorato stabilmente anche in film per la televisione, inclusi programmi via cavo come ‘Harrison Bergeron’ (1995), ‘We the Jury’ e ‘Skeletons’. Per tre anni nei primi anni ’90 ha recitato nella serie televisiva statunitense ‘Counterstrike’.

Mettendosi nei panni di John Gielgud e Ralph Richardson, Plummer ha lavorato con Robards nel 1994 nel revival di Broadway di ‘No Man’s Land’ e poi due anni dopo ha ottenuto i suoi più grandi trionfi sul palco in ‘Barrymore’, per il quale ha ricevuto un Tony per il ruolo di protagonista attore in una commedia.

L’attore ha concluso il secolo nei panni del giornalista televisivo Mike Wallace in ‘The Insider’ con Al Pacino e Russell Crowe in un’intervista a Variety ha detto: ‘Plummer offre un’enorme soddisfazione in un ritratto autorevole del celebre giornalista che è burbero, scaltro, arrogante quando ha bisogno di essere ed è sempre estremamente intelligente, tranne che per un momento cruciale’.

Plummer ha iniziato il nuovo millennio con uno stuolo di apparizioni telepiche, inclusa una rivisitazione del 2001 di ‘On Golden Pond’ sulla CBS in cui è stato accoppiato con la co-star di ‘Sound of Music’ Julie Andrews. C’erano anche ‘The Dinosaur Hunter’, ‘Possessed’, ‘Leo’s Journey’, ‘Night Flight’, ‘Agent of Influence’ e ‘American Tragedy’ del 2000, il racconto della CBS del processo di OJ Simpson in cui interpretava F. Lee Bailey.

Christopher Plummer e la moglie Elaine Taylor

Christopher Plummer e la moglie Elaine Taylor

Il suo lavoro per il piccolo schermo è continuato per tutto il decennio con ‘Four Minutes’ e ‘Our Fathers’ della Showtime, che ha sondato la cospirazione del silenzio della Chiesa cattolica sugli abusi sessuali e ha ottenuto a Plummer una nomination agli Emmy.

Per tutto il decennio, Plummer non ha mostrato segni di rallentamento, segnando il suo nome nei titoli di coda di oltre 20 opere. È apparso in ‘Cold Creek Manor’, ‘National Treasure’, ‘Syriana’ e ‘Inside Man’, ma ha anche mostrato grinta nella recitazione in pellicole quali ‘The New World’ di Terrence Malick e ‘Alexander’, In cui interpretava il filosofo Aristotele. Si è dilettato in drammi romantici come ‘Closing the Ring’ e ‘The Lakeside’ e ha ricevuto il cenno del capo dalla critica quando ha interpretato il ruolo principale di Flash Madden in ‘Man in the Chair’ del 2007.

Christopher Plummer in alta uniforme

Uno dei ruoli più memorabili di Plummer del decennio riguardava solo la sua voce. Nello strabiliante film animato della Pixar ‘Up’, ha interpretato Charles Muntz, un vecchio in missione per realizzare il sogno della sua defunta moglie. Ha anche contribuito con la sua voce a ‘My Dog Tulip’ e ‘9’.

Alla fine del primo decennio del 2000, Plummer è apparso nel film fantastico ‘The Imaginarium of Doctor Parnassus’ come il doc stesso, ma è stato il suo ruolo di Leo Tolstoy in ‘The Last Station’ che gli è valso una nomination all’Oscar come attore non protagonista. Plummer ha immerso i suoi piedi in altri generi, inclusa l’azione, in film come ‘Priest’ e ‘The Girl With The Dragon Tattoo’, ma ha sorpreso e deliziato i critici nei panni di Hal, un uomo anziano affetto da cancro in ‘Beginners’ del 2010, per il quale ha vinto un Oscar.

Nel 2015 l’attore è stato elogiato dalla critica per il suo ruolo di manager a lungo sofferente per l’anziana rock star interpretata da Al Pacino in ‘Danny Collins’ dello scrittore e regista Dan Fogelman.

È stato sposato tre volte, la prima con l’attrice Tammy Grimes, la seconda con la giornalista Patricia Audrey Lewis. Plummer lascia l’amata terza moglie, l’attrice-ballerina Elaine Taylor, e una figlia avuta con Grimes, l’attrice Amanda Plummer.

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner