Seleziona Pagina

CANNES 2019, I PALMARES!

CANNES 2019, I PALMARES!

La 72ma edizione del Festival Internazionale del Cinema di Cannes si è conclusa con il presidente della giuria Alejandro González Iñárritu che ha annunciato la decisione unanime di assegnare la Palma d’oro al regista sudcoreano Bong Joon-ho per il suo Parasite, film intelligente e astuto, carico di forti valenze politiche.

Spiegando l’entusiasmo collettivo della sua giuria per la pellicola alla conferenza stampa post-cerimonia, Iñárritu ha dichiarato: “Abbiamo tutti condiviso il mistero dell’inaspettato modo in cui questo film ci ha portato attraverso diversi generi parlando in modo divertente, umoristico, tenero – senza pregiudizi di sorta – di un qualcosa di così rilevante e urgente, così globale in un film del genere. Siamo rimasti tutti affascinati quando l’abbiamo visto, e ha continuato a crescere e crescere dentro di noi: ecco perché alla fine è stata una decisione unanime.”

La regista franco-senegalese Mati Diop ha vinto il Grand Prix per il suo film d’esordio, Atlantics e ha fatto la storia in quanto prima regista di colore a partecipare alla competizione. Nel suo film racconta una parte raramente vista della crisi dei rifugiati in Europa attraverso gli occhi di una donna abbandonata dall’uomo che ama, quando decide di tentare una traversata illegale. L’attrice e giurata ventunenne Elle Fanning ha dichiarato che il film di Diop è “una bellissima favola“.

Nota fantascientifica nel premio alla migliore attrice andato alla stella nascente inglese Emily Beecham per Little Joe diretto da Jessica Hausner: una pellicola che ha diviso il pubblico in modo critico, interpretando una scienziata la quale inizia a sospettare che la pianta che ha modificato geneticamente possa avere effetti collaterali negativi.

Accettando il trofeo come miglior attore, Antonio Banderas ha riflettuto sulla sua quarantennale strada verso questo riconoscimento, premiato per il suo ruolo nel film semi-autobiografico Pain and Glory (distribuito come Dolor y gloria) di Pedro Almodóvar. Dedicando il premio ad Almodóvar, Banderas ha detto: “La gente pensa che noi viviamo su un tappeto rosso, ma non è vero. Soffriamo molto, sacrifichiamo e c’è molto dolore dietro un attore di qualsiasi tipo. Ma c’è anche gloria, e questa è la mia notte di gloria,” prima di promettere che “il meglio deve ancora venire.”

I favoriti di Cannes, Jean-Pierre e Luc Dardenne – che avevano vinto due volte la Palma d’Oro e altri due premi in precedenza – hanno vinto il premio per la regia per Young Ahmed, il ritratto di un adolescente musulmano che vive nel moderno Belgio e che tenta uccidere il suo insegnante dopo il lavaggio del cervello da parte di un imam radicale.

Qui di seguito l’elenco completo di tutti i premi assegnati nell’edizione di quest’anno.

La competizione

Palma d’Or: Parasite di Bong Joon-ho.

Grand Prix: Atlantics di Mati Diop.

Regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne, Young Ahmed.

Attore: Antonio Banderas per Pain and Glory.

Attrice: Emily Beecham per Little Joe.

Premio speciale della Giuria — ex aequo: Les Misérables di Ladj Ly; Bacurau di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles.

Sceneggiatura: Céline Sciamma per Portrait of a Lady on Fire.

Menzione Speciale: It Must Be Heaven di  Elia Suleiman.

Gli altri premi

Camera d’Or: Our Mothers di Cesar Diaz.

Palme d’Or Cortometraggio: The Distance Between the Sky and Us di Vasilis Kekatos.

Cortometraggio Menzione Speciale: Monster God di Agustina San Martin.

Golden Eye Premio al Do cumewntario: For Sama.

Premio della Giuria Ecumenica: Hidden Life di Terrence Malick.

Queer Palm: Portrait of a Lady on Fire di  Céline Sciamma.

Un Certain Regard

Un Certain Regard Award: The Invisible Life of Eurídice Gusmão di Karim Aïnouz.

Premio della Giuria: Fire Will Come di Oliver Laxe.

Miglior Regista: Kantemir Balagov per Beanpole.

Miglior Performance: Chiara Mastroianni per On a Magical Night.

Premio Speciale della Giuria: Albert Serra per Liberté.

Special Jury Mention: Joan of Arc di Bruno Dumont.

Coup de Coeur Award: A Brother’s Love di Monia Chokri; The Climb di Michael Angelo Covino.

Directors’ Fortnight

Society of Dramatic Authors and Composers Prize: An Easy Girl di Rebecca Zlotowski.

Europa Cinemas Label: Alice and the Mayor di Nicolas Parisier.

Illy Short Film Award: Stay Awake, Be Ready di An Pham Thien.

Settimana della Critica

Gran Premio Nespresso: I Lost My Body di Jérémy Clapin.

Premio della Society of Dramatic Authors and Composers: César Díaz per Our Mothers.

 

Premio della Fondazione GAN Foundation per la Distribuzione: The Jokers Films, Distributore francese del film Vivarium di Lorcan Finnegan.

Louis Roederer Foundation Rising Star Award: Ingvar E. Sigurðsson per A White, White Day.

Leitz Cine Discovery Premio per il cortometraggio: She Runs di Qiu Yang.

Canal Plus Premio per il cortometraggio: Ikki Illa Meint di Andrias Høgenni.

Fipresci

Competizione: It Must Be Heaven (Elia Suleiman).

Un Certain Regard: Beanpole (Kantemir Balagov).

Directors’ Fortnight/Settimana della Critica: The Lighthouse (Robert Eggers).

Cinéfondation

Primo Premio: Mano a Mano di Louise Courvoisier.

Secondo Premio: Hiéu di Richard Van.

Terzo Premio — ex aequo: Ambience di Wisam Al Jafari; Duszyczka (The Little Soul) di Barbara Rupik.

 

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW con Franco Fossati e Luigi Bona. Dall'inizio degli anni Novanta è segretario del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani), Gruppo Lombardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner