Vincitore dell’Oscar per la sceneggiatura di ‘Butch Cassidy’ e per l’adattamento di ‘Tutti gli uomini del presidente’, William Goldman è stato uno scrittore, sceneggiatore e canzoniere di grande successo. Nato il 12 agosto del 1931 ad Highland Park nello stato americano dell’Illinois e morto il 16 ovembre nella sua casa di New York, ha lavorato anche con lo pseudonimo di Simon Morgensternmentre suo era il celebre motto su Hollywood: ‘Nobody Knows Anything’. A comunicare la morte per complicazioni derivanti da una polmonite e un cancro al colon è stata la figlia Jenny. Nel corso della sua lunga carriera ha scritto e/o ispirato decine di film a partire dal primo ‘Soldato sotto la pioggia’ (1963). È stato molto attivo anche nel campo del fantastico e della fantascienza, sue tra le altre l.e sceneggiature per: ‘La fabbrica delle mogli’ (1975, sceneggiatura), ‘Magic’ (1978, storia e sceneggiatura), ‘La storia fantastica’ (1987, storia e sceneggiatura), ‘Misery non deve morire’ (1990, sceneggiatura), ‘Avventure di un uomo invisibile’ e ‘L’anno della cometa’ (entrambi del 1992, sceneggiatura), fino al recente ‘Jake and the Giants’ (2015). Tra le curiosità come ricorda lui stesso nella sua gettonatissima autobiografia ‘Hype and Glory’ è stato l’unico ad essere nello stesso anno giurato al Festival di Cannes e al concorso di Miss America…