Seleziona Pagina

È morto il regista Michael Apted

È morto il regista Michael Apted

Michael Apted ci ha lasciati il 7 gennaio del 2021. Lo ha confermato la sua agenzia Gersh. Aveva 79 anni.

È stato un regista britannico della serie di documentari ‘Up’, nonché ‘Coal Miner’s Daughter’, ‘Gorillas in the Mist’ (1988), del film di James Bond ‘The World Is Not Enough’ (1999) e ‘The Chronicles” di Narnia: The Voyage of the Dawn Treader’ (2010),

Michael Apted ha diretto tre attori in performance che hanno ottenuto nomination agli Oscar: Sissy Spacek in ‘Coal Miner’s Daughter’, Sigourney Weaver in ‘Gorillas in the Mist’ e Jodie Foster in ‘Nell’, con Spacek che ha vinto l’Oscar.

La sua serie di documentari ‘Up’ per Granada Television, in cui ha profilato un gruppo variegato di giovani britannici e li ha rivisitati ogni sette anni in base ai cambiamenti che il tempo aveva operato, è in cima alla lista nel programma di Channel 4 del 2005 ‘The 50 Greatest Documentaries’.

Michael Apted è stato anche presidente della Directors Guild of America dal 2003 al 2009 e ha contribuito a negoziare i suoi contratti con i produttori.

Il presidente della DGA Thomas Schlamme ha dichiarato in una dichiarazione: ‘I nostri cuori sono pesanti oggi mentre piangiamo la scomparsa dello stimato direttore, leader di lunga data della DGA e del mio amico Michael Apted. La sua eredità sarà intessuta per sempre nel tessuto del cinema e della nostra Gilda. Un visionario senza paura come regista e leader di gilda senza precedenti, Michael ha visto la traiettoria delle cose quando gli altri no, e siamo stati tutti i beneficiari della sua saggezza e dedizione per tutta la vita’.

Michael Apted aveva di recente diretto una serie di episodi delle serie della Showtime ‘Ray Donovan’ e ‘Masters of Sex’, nonché il thriller in stile Bourne del 2017 ‘Unlocked’, con Noomi Rapace nel ruolo di un interrogatore della CIA.

‘Coal Miner’s Daughter’ (1980), un film biografico di Loretta Lynn che prende come ispirazione la sua canzone autobiografica di grande successo che dà il titolo al film, ha portato Apted all’attenzione di Hollywood e degli spettatori.

Oltre all’Oscar della Spacek come migliore attrice, il film è stato nominato per il miglior film, tra le altre categorie ed è stato anche un notevole successo commerciale, con un incasso lordo interno di 67 milioni di dollari nel 1980.

Il film successivo, la commedia romantica ‘Continental Divide’, non è stato un grande successo ma ha i suoi fan sia tra i critici che il pubblico. Apted ha mostrato un lato gentile e vulnerabile di John Belushi, che interpreta un giornalista testardo di Chicago.

‘Gorky Park’ era un suggestivo thriller basato sul romanzo best seller di Martin Cruz Smith, con William Hurt, Lee Marvin e Brian Dennehy incentrato su un omicidio a Mosca.

William Hurt è superbo nei panni di un detective della milizia di Mosca intrappolato tra i suoi desideri di essere semplicemente un buon poliziotto e le motivazioni insondabili del governo segreto sovietico. Il regista Michael Apted prepara bene Hurt con la scoperta di tre corpi mutilati e senza volto nel Gorky Park della città, portando Hurt a sospettare che questo sia tutto un intrigo del KGB’.

‘Gorillas in the Mist’ (1988) racconta la vera storia di Dian Fossey, una studiosa difensore dei gorilla di montagna in uno degli angoli più remoti dell’Africa per 18 anni prima che una tragedia mettesse fine alle sue straordinarie imprese. Il film è stato nominato per cinque Oscar, inclusa la migliore attrice per Weaver. ed è stato un discreto interprete al botteghino mondiale, con 61 milioni di dollari nel 1988.

In ‘Class Action’ degli anni ’90, Apted ha spinto Gene Hackman e Mary Elizabeth Mastrantonio a esibizioni migliori del previsto come padre e figlia su lati opposti di una causa collettiva intentata contro una casa automobilistica.

Nel 1994 Apted ha realizzato il thriller ‘Blink’, incentrato su una bellissima violinista (Madeleine Stowe) che ha recentemente ricevuto un trapianto di cornea che le hanno permesso di vedere, ma non ci si può ancora fidare della sua visione, quindi potrebbe aver assistito a un serial killer ed è così in pericolo; un poliziotto (Aidan Quinn) cerca di proteggerla e inevitabilmente si innamora di lei.

Lo stesso anno ha visto l’uscita del film del regista ‘Nell’, su una donna (Jodie Foster) che ha vissuto in una natura selvaggia primitiva per tutta la vita. Foster è diventata la terza star di un film Apted a guadagnare una nomination all’Oscar come migliore attrice.

Apted è stato assunto per dirigere il film di James Bond del 1999 ‘The World Is Not Enough’, con Pierce Brosnan come 007. Sebbene non sia considerato tra i migliori film di Bond, è ricordato per il suo spettacolare inseguimento in barca sul Tamigi e per il casting che vedeva Denise Richards come Bondgirl.

Il regista si è subito ripreso con l’intelligente thriller del 2001 ‘Enigma’, ambientato a Bletchley Park, dove i crittografi britannici hanno lavorato per infrangere il codice nazista durante la seconda guerra mondiale, con Tom Stoppard che adatta un romanzo di Robert Harris.

Più ordinario è stato ‘Enough’, in cui la maltrattata moglie di Jennifer Lopez si allena nelle arti marziali per poter finalmente prendere a calci in culo il suo ex violento e stalking (Billy Campbell).

Nel 2005 Apted ha diretto tre episodi della serie HBO ‘Rome’, vincendo un DGA Award per l’eccezionale successo alla regia in una serie drammatica del 2006.

Apted ha anche diretto “Le cronache di Narnia: Il viaggio del veliero” del 2010, il film che con 415 milioni di dollari in tutto il mondo è  stato il suo miglior incasso al botteghino.

Michael David Apted è nato ad Aylesbury, nel Buckinghamshire, e ha guadagnato una borsa di studio per studiare legge e storia al Downing College di Cambridge.

Il regista ha iniziato la sua carriera in televisione come ricercatore-tirocinante presso la Granada Television a Manchester.

Uno dei suoi primi progetti a Granada portò a quella che sarebbe diventata la serie “Up”, iniziata nel 1964 come profilo di 14 bambini di 7 anni per la serie di attualità della rete “World in Action”.

In qualità di ricercatore e assistente del regista canadese Paul Almond, Apted ha partecipato alla selezione dei bambini. Ha diretto gli episodi successivi della serie, che era sempre stata finalizzata a testare la tesi di Apted secondo cui il sistema di classi britannico rimane in gran parte in vigore, e si basa sul motto dei gesuiti ‘Dammi un bambino fino ai 7 anni e ti darò un uomo’.

I bambini profilati sono stati scelti per rappresentare la gamma di contesti socioeconomici nel Regno Unito in quel momento – e l’ipotesi esplicita alla base dello studio longitudinale era che la classe sociale di un bambino predetermina il suo futuro.

Apted, che all’epoca aveva poco più di 20 anni, era solo un ricercatore del primo film della serie, “7 Up”, ma ha diretto tutti i successivi.

L’ultima puntata, “63 Up”, è stata trasmessa dalla televisione britannica a giugno 2019.

Apted lascia la terza moglie Paige Simpson, che ha sposato nel gennaio 2014; il figlio Jim Apted dal suo matrimonio con Jo; il figlio John dal suo matrimonio con Stevens; e la figlia Lily Mellis da una relazione con Tania Mellis; oltre a quattro nipoti.

L'Autore

Sergio Giuffrida

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW con Franco Fossati e Luigi Bona. Dall'inizio degli anni Novanta è segretario del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani), Gruppo Lombardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner