Seleziona Pagina

Dove sta andando il Marvel Universe? Lo sa Kevin Feige…

Dove sta andando il Marvel Universe? Lo sa Kevin Feige…

 

Marvel Universe, conosciuto anche come Marvel Cinematic Universe (MCU) è ormai un grossissimo labirinto in cui è molto, ma molto difficile orientarsi.

Alla fine di “WandaVision” del 2021, l’inaugurazione della lista di titoli post-“Avengers: Endgame” dei Marvel Studios, noti collettivamente come Fase Quattro, vediamo Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen) che sorseggia tranquillamente il tè in una cabina in riva al lago, riprendendosi dagli eventi traumatici del finale di serie.

Mentre la telecamera si spinge più in profondità nella cabina, tuttavia, vediamo che Wanda è in realtà una proiezione astrale come Scarlet Witch in modo da poter studiare Darkhold, un libro di magia oscura corruttrice. Improvvisamente, sente le voci dei suoi due figli perduti e lo schermo diventa nero.

Quando l’episodio è stato trasmesso in streaming a marzo 2021, ci siamo chiesti come ciò potesse accadere e cosa avrebbe fatto Wanda dopo.

Charlize Theron pubblica il primo look del suo debutto ai Marvel Studios in “Doctor Strange 2

Quattordici mesi dopo, queste domande sono state risolte nel film dei Marvel Studios “Doctor Strange in the Multiverse of Madness“: Wanda ha sentito varianti dei suoi ragazzi da qualche parte all’interno del multiverso, e questo la fa andare in pezzi alla ricerca di un modo per tornare da loro.

Questo tipo di evoluzione del personaggio estesa e, per alcuni, controversa, è stata la promessa del Marvel Cinematic Universe sin dal suo inizio. Ha fornito al pubblico le ricompense emotive di una narrazione di lunga durata precedentemente limitata alla televisione e alla Disney le ricompense finanziarie di un franchise in grado di produrre da due a tre film di successo all’anno, incassando oltre $ 22 miliardi di incassi al botteghino globale nel processo.

Ma mentre la Marvel ha aumentato notevolmente la sua produzione per la Fase Quattro, rilasciando 11 serie Disney+ e lungometraggi cinematografici in poco meno di 18 mesi, quel senso di una narrativa più ampia e coesa intessuta in ogni titolo è scomparso. Invece dell’escalation incrementale della Infinity Saga, non c’è ancora il senso di dove si stia dirigendo la Fase Quattro, se, in effetti, si sta dirigendo in una direzione precisa.

A dire il vero, il multiverso ha giocato un ruolo fondamentale in diversi titoli della Fase Quattro, a cominciare dalla serie Disney+ “Loki“, che si è conclusa con un’unica linea temporale che si è fratturata in un numero infinito di realtà alternative. Ciò ha immediatamente alimentato la serie animata Disney+ “E se…?” oltre a preparare il terreno per il caos multiversale nei film “Spider-Man: No Way Home” e “Multiverse of Madness“.

Finora, questo è stato tutto: caos altamente divertente. E anche a parte il fatto che Doctor Strange (Benedict Cumberbatch) stava già imparando a conoscere il multiverso cinque anni prima di “Loki” nel suo debutto nel 2016, il multiverso non ha avuto alcun ruolo in nessuno degli altri titoli della Fase Quattro.

Invece, l’MCU ha evocato 10 fili narrativi separati senza una chiara relazione tra loro, solo due dei quali finora si sono perpetuati attraverso altri titoli. Il primo: il suddetto viaggio di Wanda tra “WandaVision” e “Multiverse of Madness”.

Il secondo: Yelena Belova (Florence Pugh) riceve l’ordine di marcia alla fine di “Black Widow” per uccidere Clint Barton (Jeremy Renner), che abbandona nel corso di “Hawkeye” mentre lei e Clint condividono il loro dolore per la morte di Natascia Romanoff. Per quanto riguarda il resto?

Il falco e il soldato d’inverno” si conclude con diversi antagonisti – John Walker di Wyatt Russell, Sharon Carter di Emily VanCamp e Valentina Allegra de Fontaine di Julia Louis-Dreyfus – ancora vivi e vagamente sistemati all’interno del governo degli Stati Uniti senza uno scopo evidente oltre a fluttuare liberamente illecito. Valentina è quella che dà a Yelena l’ordine di uccidere Clint in “Black Widow“, ma non sappiamo ancora per chi stia lavorando, o cosa intende realizzare.

Loki” si conclude con l’emergere, fuori dallo schermo, di Kang il Conquistatore (Jonathan Majors), una figura con ambizioni grandi quanto un Thanos di governare il più possibile il multiverso. Ma non lo incontreremo fino a “Ant-Man and the Wasp: Quantumania“, la cui uscita è attualmente prevista per febbraio 2023. (La morte della variante di Kang, He Who Remains, è ciò che fa germogliare il multiverso in il primo posto.)

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli” si conclude con Wong (Benedict Wong) che dice a Shang-Chi (Simu Liu) che quegli anelli titolari sono alieni e persino più antichi di quanto lui sappia – e, per di più, stanno chiamando a… qualcosa… nel cosmo.

Eternals” si conclude con un Celeste simile a un dio che si trasforma in pietra nell’Oceano Indiano, il che fa apparire un altro Celeste, Arishem (David Kaye), appena fuori dalla Terra e annunciare di aver messo l’intero pianeta sotto processo per la sua stessa esistenza . Qualcuno sulla Terra oltre agli Eterni sa di questa prova? Qualcuno dei Vendicatori è curioso della massiccia figura di pietra che è saltata fuori dal mare? Non chiaro! (Oh, e Harry Styles – Harry Styles! – si materializza come il fratello caldo di Thanos, Starfox.)

Occhio di Falco” si conclude con la ricomparsa di Wilson Fisk, alias Kingpin (Vincent D’Onofrio), il cattivo principale della serie Marvel di Netflix “Daredevil“. Fisk ha una lunga storia con Maya Lopez (Alaqua Cox), che sta ottenendo la sua serie spin-off Disney+, “Echo“, ma non sappiamo ancora se Fisk apparirà in quello show, per non parlare di Daredevil (Charlie Cox), che si è presentato per una scena divertente in “No Way Home”. Qualcuno di questi sarà in relazione con altri titoli MCU? Forse. Forse no.

Spider-Man: No Way Home” si conclude con Strange che cancella tutti i ricordi di Peter Parker di Tom Holland dal multiverso, ma non di Spider-Man, poiché Eddie Brock (Tom Hardy) si presenta all’interno dell’MCU quel tanto che basta per lasciarsi alle spalle un goccia del simbionte alieno di Venom.

Moon Knight“, la più recente serie Disney+, si conclude senza alcun legame chiaro con l’MCU a parte un riferimento passeggero nell’episodio 3 a Madripoor, la città dei ladri introdotta in “Falcon e Winter Soldier”. In effetti, lo spettacolo suggerisce persino che il titolo di supereroe di Oscar Isaac potrebbe effettivamente essere un intruglio della sua stessa mente fratturata. Probabilmente no? Rispondi confuso, chiedi di nuovo più tardi .

Multiverse of Madness” si conclude con Clea, un personaggio che non abbiamo mai incontrato prima interpretato da Charlize Theron (NdR: In realtè si tratta di uno dei belli e affascinanti personaggi della saga fumettistica del periodo d’oro del personaggio…) apparendo davanti a Strange in una strada di New York City, aprendo un portale per la Dimensione Oscura e convincendolo a unirsi a lei nell’immergersi al suo interno.

Marvel Universe: Multiverse of Madness

E poi ci sono il resto dei titoli MCU in uscita quest’anno e il prossimo — “Ms. Marvel” e “Thor: Love & Thunder“, i primi a giugno e luglio, introducendo ancora più nuovi fili di trama penzolanti nella Fase Quattro.

SM.” L’eroe della Marvel Kamala Khan (Iman Vellani) apparso in “The Marvels” nel luglio 2023, mentre i Guardiani della Galassia reciteranno un ruolo in “Thor: Love & Thunder“.

Confronta tutto questo con il modo in cui il MCU ha organizzato l’Infinity Saga: nel sesto film, “The Avengers” del 2012, dove abbiamo incontrato Thanos.

Entro il decimo “Guardians of the Galaxy” del 2014, abbiamo sentito per la prima volta le parole “Infinity Stones” e abbiamo capito perfettamente che Thanos era deciso a collezionarle tutte e sei. Ogni film successivo ha portato avanti quella storia più ampia in modi piccoli o principali, poiché ci siamo resi conto che almeno alcune delle Gemme dell’Infinito si erano nascoste in bella vista a partire da “Captain America: Il Primo Vendicatore” del 2011.

Ogni fase è culminata con un film “Avengers” (o due) e ogni film del MCU, sebbene un’esperienza (più o meno) su se stessa, aveva un senso convincente di slancio in avanti e uno scopo narrativo generale. Thanos vuole quelle pietre, il che sarebbe catastrofico: i nostri eroi dovranno fermarlo.

Undici titoli nella Fase Quattro, ci sono diversi potenziali Big Bad – Kang, Valentina, Arishem, Kingpin, persino il signore supremo della Dimensione Oscura Dormammu – in agguato alla periferia. Ma i Marvel Studios devono ancora svelare se esiste un grande progetto per legare insieme tutti questi fili.

Potrebbe essere una caratteristica, non un bug. Con l’esplosione dei contenuti MCU su Disney+, potrebbero esserci semplicemente troppi titoli da tenere insieme in una trama consolidata, quindi la Marvel non ci proverà. L’introduzione del multiverso sottolinea anche questo problema: se ci sono un numero infinito di Wanda, Stranges e Peter Parker che vivono le proprie storie, come potrebbero il pubblico, o i narratori, tenerne traccia?

Finora, questo problema non ha danneggiato i profitti della Marvel. A oggi, le sue caratteristiche sono state quasi l’unica estrazione affidabile al botteghino durante la pandemia, incassando oltre 3,6 miliardi di dollari in tutto il mondo; e i suoi spettacoli Disney+ sono stati tutti successi popolari (almeno, come meglio si può misurare).

Tuttavia, almeno parte di quel successo è derivato dalla buona volontà del pubblico astronomico accumulata dalla Infinity Saga e dall’aspettativa che investire tempo e denaro in ogni titolo MCU ripagherà ulteriormente con un mega-film in stile “Avengers” giù per la linea.

I Marvel Studios, tuttavia, devono ancora annunciare un film di “Avengers”.

L’unica persona che sa per certo se o quando ciò accadrà è Kevin Feige , chef creative officer della Marvel. Ma se il recente passato è indicativo, il primo che potrebbe arrivare sarebbe il film Marvel datato 3 maggio 2024, che sarà forse annunciato durante il D23 Expo a settembre.

C’è un filo concepibile, tuttavia, che potrebbe unire tutta la Fase Quattro: The Young Avengers. Osservatori appassionati di MCU hanno notato che nell’ultimo anno e mezzo sono stati introdotti nei fumetti Marvel, diversi giovani supereroi – o personaggi che diventano supereroi –  tra cui America Chavez (Xochitl Gomez) in “Multiverse of Madness“, Kate Bishop (Hailee Steinfeld). ) in “Hawkeye“, Kid Loki (Jack Veal) in “Loki“, Eli Bradley (Elijah Richardson) in “Falcon and Winter Soldier“, Billy Maximoff (Julian Hilliard) e Tommy Maximoff (Jett Klyne) in “WandaVision” e , l’anno prossimo, Cassie Lang (Kathryn Newton) in “Quantumania“.

Questi personaggi insieme costituiscono i Young Avengers nei fumetti. Uno dei loro nemici – e, stranamente, membri – è Kang il Conquistatore.

Quindi questa è una possibilità per la direzione in cui si sta dirigendo la Fase Quattro. Ancora non tiene conto di cosa sta succedendo con il processo di Arishem, gli intrighi di Valentina, gli anelli di Shang-Chi, la poltiglia di Venom, le macchinazioni di Kingpin o la Dimensione Oscura di Clea. Ma forse Feige sa che ha bisogno della giovinezza della Marvel per costruire il futuro del MCU.

Marvel Universe: i Giovani Vendicatori

Sergio Giuffrida
+ posts

Classe 1957, genovese di nascita, catanese d'origine e milanese d'adozione. Collabora alla nascita della fanzine critica universitaria 'Alternativa' di Giuseppe Caimmi, e successivamente alla rivista WOW. Dai primi anni Novanta al novembre 2021 è stato segretario del SNCCI Gruppo Lombardo. Attualmente è nel board di direzione con Luigi Bona della Fondazione Franco Fossati e del WOW museo del fumetto, dell'illustrazione e del cinema d'animazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi la NewsLetter

Scrivi la tua email:

Prodotto da FeedBurner