Il regista di Upgrade, Leigh Whannell, ha firmato per dirigere il reboot del classico  The Invisible Man. Il progetto riunisce Whannell con Jason Blum, che produce il film della Universal Pictures attraverso il suo marchio Blumhouse. La mossa è parte integrante di una nuova strategia per le proprietà dei mostri Universal, volta a portare registi creativi con visioni distintive a rivisitare i personaggi classici.

Whannell in precedenza insieme alla Blumhouse Productions ha lavorato in pellicole di successo quali Insidious: The Last Key e il già citato Upgrade, mentre Johnny Depp, contattato per il nuovo The Invisible Man, non apparirà in questo film, ma potrebbe essere presente in un altro dei classic project monster in via di sviluppo. Sul modello di alcune serie televisive come Penny Dreadfull o Frankenstein Chroniclesla Universal ha presentato l’idea di un universo mitografico interconnesso rivalutando come mantenere rilevanti e significativi questi personaggi per una nuova generazione di fruitori. Non a caso la Universal si è impegnata in un forte sforzo creativo spaziando in tutto il vasto patrimonio di mostri degli Studios.

“Nel corso della storia del cinema, i classici mostri della Universal sono stati reinventati attraverso l’ottica di ogni nuovo regista che ha dato vita a questi personaggi”, ha dichiarato Peter Cramer, presidente della Universal. “Siamo entusiasti di adottare un approccio più individualizzato per il loro ritorno sullo schermo, guidato da autori che per raccontarli hanno pensato storie veramente appassionanti.”.

Diverse versioni della storia di H.G. Wells sono state portate sullo schermo, a partire dal primo e più noto adattamento originale di James Whale del 1933, con Claude Rains e Gloria Stuart.

I titoli previsti dalla nuova strategia saranno radicati nell’orrore, senza particolari restrizioni sul budget, il tono o le scelte artistiche. Da alcune indiscrezioni, anzi, emerge la volontà di “liberare” le origini e le storie dei vari personaggi con re-interpretazioni in grado di attirare l’attenzione del pubblico moderno.

Attori, associati in precedenza a vari ruoli mostruosi, come Johnny Depp, Javier Bardem, Tom Cruise e Russell Crowe hanno ancora la possibilità di apparire nei  film della nuova visione narrativa portata avanti.

Per quanto riguarda Blum, il super-produttore specializzato nell’horror e nel fantastico, ha già iniziato il 2019 con il primo post al box-office del suo Glass diretto da M. Night Shyamalan che viaggia verso i 250 milioni di dollari a livello globale. Tra le sue prossime uscite ci sono il sequel di Happy Death Day del 2017 – previsto per il 13 febbraio – mentre in televisione al suo attivo troviamo quattro episodi di Into the dark, il tv movie Tremors, due episodi di The Purge e i tre della miniserie Ghoul.