Seleziona Pagina

SCIENZA E FANTASIA (SECONDA PARTE)

SCIENZA E FANTASIA (SECONDA PARTE)

Continua l’excursus sugli episodi di Scienza e fantasia anche a favore di quelli che, parafrasando l’introduzione della prima parte, non sanno che i serial hanno avuto un onorevole passato e che sono esistite cose pregevoli come questa.

Stagione 1

(continua dalla prima parte)

A VISIT FROM DR. PLINY

(Lett.: Una visita del dottor Pliny) USA 24/9/1955

Cast: Edmund Gwenn, William Schallert, Juney Ellis, John Stephenson, Morris Ankrum, Marilyn Saris, Howard Wright, Victoria Fox.

Regia: Henry S. Kesler.

L’episodio inizia nella città fittizia di Killbrook, in Pennsylvania e due uomini si recano alla pensione della signora Peterson vicino all’Istituto di astrofisica avanzata. Il cartello all’esterno pubblicizza VITTO E ALLOGGIO. La persona più anziana dà un’occhiata al soggiorno della signora Peterson e sembra non riconoscere inizialmente una TV; ma poi si riferisce all’apparecchio come a “un conglomerato di errori“, ed è anche un po’ confuso sul concetto di denaro quando la signora Peterson offre loro una stanza a quindici dollari la settimana anticipati. La donna è pronta a mandare al diavolo i due che chiedono solo di passare la notte in modo da poter esaminare la biblioteca del suo defunto marito. Mentre stanno parlando, Pliny fa cadere ciò che appare e sembra essere un pettine d’oro massiccio. Lui ammette però che non è oro e lo offre alla signora Peterson come pagamento per la stanza e uno sneackers dal mini-bar. La mattina dopo, Pliny e il suo assistente Mr. Thomas si recano nel laboratorio del Dr. Brewster, dove l’uomo insulta la loro attrezzatura primitiva e dice che è abbastanza vecchio da ricordare certi strumenti, ma il suo assistente li conoscerebbe solo dai libri. Ammette che il suo dottorato è onorario, ma afferma di avere informazioni che possono cambiare il mondo e vuole dare a Brewster il segreto di un’energia libera e senza limiti. Pliny costruisce un aggeggio che l’uomo definisce solo un prototipo ma funzionante, che stupisce Brewster. Intanto la signora Henderson giunge all’istituto. È indignata dal fatto che il pettine che Pliny ha detto non essere d’oro in effetti non lo è. Sta cercando Pliny e Thomas perché le devono i suoi tre dollari per la notte e gli ospiti non sono autorizzati a rimanere per il fine settimana. Il Dr. Brewster risolve il debito acquistando il pettine da lei perché sospetta che il pettine sia in realtà costituito da un nuovo elemento che dà alla macchina l’energia infinita e la possibilità di operare, il che avrebbe potenzialmente un valore di trilioni di dollari. Sciolgono il pettine e fabbricano la parte necessaria per il dispositivo. Brewster non è sicuro quale calamità possa accadere quando lo accenderà, dato che rilascerà livelli di energia massicci e mai visti prima, per cui chiede a Ruth se non le dispiacerebbe andarsene, ma lei risponde che resterà. Brewster osserva stupito il perfetto funzionamento del macchinario acceso e dichiara che l’Era Atomica è finita. Successivamente vediamo Pliny e Thomas alla Royal Scientific Academy di Londra. Il segretario cerca di impedire loro di entrare nel laboratorio ma Thomas l’interrompe dicendo che nessuno può fermare il dottor Pliny.

IL CUCCIOLO DI MAMMUTH

(Dead Storage) USA 8/10/1955; Italia 19/2/1959

Cast: Virginia Bruce, Booth Colman, Walter Coy, Robert H. Harris, Douglas Henderson.

Regia: Jack Herzberg.

Gli ingegneri dell’esercito usano una motosega per tagliare qualcosa sepolto nel ghiaccio dell’Artico, hanno trovato un reperto strano e terrificante appartenente all’alba dei tempi. Il Dr. Robinson strappa il rapporto dalla telescrivente. È fermamente convinto che l’oggetto, in pratica un mammuth congelato, debba essere preservato e il Dr. Avery aggiunge che tutti quegli esemplari trovati in Siberia, in precedenza sono stati completamente rovinati durante lo scavo. E poiché l’oggetto è stato esposto al sole, Robinson si premura di farlo richiudere imballandolo nel ghiaccio per portarlo ai laboratoriscienza e fantasia

La zoologa Dr. Myrna Griffen si unisce alla squadra quando il mammut atterra a Washington. Anche il reporter Warren Keath si unisce al gruppo. Osservano il blocco di ghiaccio attraverso una finestra e il vapore viene convogliato per scioglierlo. Keath chiede cosa Robinson si aspetta di trovare e questi risponde che anche se è morto da mezzo milione di anni, i suoi organi potrebbero contenere ancora materiale vivo come i batteri. Il Dr. Griffen suggerisce che se il campione si fosse congelato rapidamente, potrebbe persino essere in grado di rianimarlo brevemente. Finalmente, alle 5 del mattino, tutto il ghiaccio si è sciolto. Il team va a vedere l’esemplare che è un mammut, ma un cucciolo. È descritto come più grande che qualsiasi animale oggi conosciuto, balene a parte. Il mammut, alto circa un metro e ottanta, è di appena un anno, ma uno dei medici dice che crescerà fino a 10 volte la sua dimensione attuale. Viene applicato uno shock galvanico per rianimare la bestia. Il Dr. Griffen ha detto che potrebbe farlo rivivere solo per pochi battiti cardiaci, quindi nonostante le pessimistiche previsioni, dopo lo shock, Robinson ordina di applicare l’ossigeno: tutto va oltre le previsioni: il mammut si alza in piedi.
Mezz’ora dopo, il gruppo sta osservando l’animale attraverso una finestra. Keath e Griffen vogliono entrare per scattare fotografie, Robinson è d’accordo a malincuore. Trovano il mammut agitato. In effetti oltre al fatto di essere stato richiamato dal paese dei morti, strappato dalle cure materne, risvegliato 400.000 anni dopo, trovarsi nella schiacciante solitudine di essere l’unico mammut sulla faccia della Terra ed essere inoltre rinchiuso in una strana stanza con pannelli di legno sotto luci fluorescenti difficilmente reperibili in natura durante l’epoca pliocenica, non si capisce perché poi debba essere agitato… Il dottor Griffen suggerisce che forse sente la mancanza della mamma e gli affibbiano il nome di Toby.
Il mammut inizia a mangiare e a crescere e i dottori acconsentono che Toby possa essere rilasciato in un’area per vivere all’aperto. Assumono un autista per portarlo in un recinto dove può vivere fino a una vecchiaia matura ma, mentre un incidente fa ricoverare Myrna all’ospedale, anche Toby sta deprimendosi per la mancanza di Myrna che considera la sua mamma e quando lei legge in ospedale il titolo di un giornale TOBY NEAR DEATH (Toby cerca la morte), contro gli ordini del medico, Myrna lascia l’ospedale con Keath per vedere se Tobey è a posto. Purtroppo il mammut muore pochi secondi dopo il loro arrivo e Keath suggerisce che Tobey è morto perché era solo.

NOTA: Considerando l’aumento globale delle temperature e lo scioglimento del permafrost che ricopre numerose e vaste zone della Siberia, diversi antichi oggetti nascosti stanno gradualmente emergendo. Nel 2011 un gruppo di scienziati era alla ricerca di alcune zanne di Mammut Lanoso che, se vendute, possono portare a un’ingente somma di denaro. Quello che è successo, però, ha dell’incredibile: gli esperti, infatti, hanno rinvenuto quello che è il muso di un cucciolo di mammut congelato nel ghiaccio del Pleistocene. Già nel 2015 venne scoperto un altro cucciolo proprio vicino a quello ritrovato in questi giorni e gli scienziati ritengono assai probabile che possano trattarsi di due fratelli. Quel che è importante, tuttavia, è che entrambi i corpi si sono conservati in questi anni in maniera davvero incredibile, ottimale. I reperti di mammut congelati in Siberia datano dal 1707; e si noverano oggi oltre venti ritrovamenti di resti in condizioni più o meno buone di conservazione nell’immensa zona di paese che si suole designare con il termine generico di Siberia.

 (Trasmesso sul Programma Nazionale)

 THE STRANGE PEOPLE AT PECOS

(Lett.: Strane persone a Pecos) USA 1/10/1955

Cast: Arthur Franz, Doris Dowling, Barry Froner, Andrew Glick, Dabbs Greer, Rachel Ames, Beverly Washburn, James Westerfield, Paul Birch, Hank Patterson.

Regia: Eddie Davis.

L’operatore radar Jeff Jamison è una parte essenziale del Pecos Rocket Testing Ground. Non se ne può vantare in famiglia, però. Infatti non può dire a sua moglie Celia cosa fa al lavoro, e ha due bambini insopportabili che vogliono sapere se i missili su cui lavora sono come i dischi volanti. Un giorno mentre sta andando al lavoro, Jeff incontra una bambina sulla porta: è nuova in città ed è venuta per incontrare i ragazzi. Dovrebbero andare d’accordo e Jeff le chiede da dove viene. La piccola risponde:
Dal terzo pianeta dal Sole, ma come dice mio padre, siamo tutti davvero dalla stessa galassia.”
Jeff, confuso, borbotta un, “Sì, certo“, cedendo senza nemmeno tentare di discutere ulteriormente…
Al lavoro, Jeff sta monitorando il razzo Big SAM, un missile terra-aria e chiama il dottor Conselman a guardare il suo radar. Big SAM è stato affiancato da due misteriosi “blip”. Conselman suggerisce che siano nuvole cosmiche. Jeff non è d’accordo perché si muovono troppo velocemente, e non esiste una nuvola cosmica. Per questo salta alla successiva conclusione logica che sono dei dischi volanti.
Tornato dove i bambini stanno giocando con la nuova venuta, Laurie, si riaccende il discorso dei dischi volanti ma la bambina dice che i dischi volanti usano la telecinesi.
Poi la piccola esce per tornare a casa e, mentre lui e Celia stanno parlando, odono i freni di una macchina stridere. Corrono fuori e vedono che Laurie è stata investita. La bambina si sveglia sul divano degli Jamison ed è pronta a rialzarsi, ma la convincono ad aspettare il dottore. Poi Jeff decide di curare la sua ferita prima che arrivi il medico e l’avverte che proverà dolore quando verserà della tintura di iodio sulla sua ferita, ma lei non sente niente e non ha nessun dolore per l’incidente, quindi scende dal divano e torna a casa e questo sorprendente tutti.
Jeff Jr. si reca a casa di Laurie e ascolta le intercettazioni su Mr. Kern
Il popolo della Terra non può e non vuole capire che il nostro arrivo dallo spazio non potrebbe mai essere un’invasione ostile. Siamo molto più avanti di loro e abbiamo imparato a vivere in pace con noi stessi e con i nostri vicini nell’universo.”
Quando Jeff Jr. vede Laurie e suo padre lanciare un giocattolo anti-gravità, scrive “Martians Go Home” sul marciapiede e corre a casa. Il padre Jeff Sr. si rivolge allo sceriffo per lamentarsi di questa “Baby Einstein” che non prova dolore. Racconta anche della registrazione che Jeff Jr. ha sentito fare da Mr. Kern. Poi… aspetta e lo sceriffo e suggerisce a Jeff di andare a trovare il signor Kern. Per coincidenza, il signor Kern arriva per lamentarsi della scritta che il figlio di Jeff ha scritto sul marciapiede e che lui ha visto dalla finestra.
Jeff accusa Kern e sua figlia di essere alieni. Kern risponde che è uno scrittore di fantascienza e si sono trasferiti in New Mexico da Chicago per aiutare le condizioni di sua figlia. Il danno al cervello ha causato il malfunzionamento delle terminazioni nervose, quindi non sente dolore. Jeff chiede perché dice di essere di Chicago quando sua figlia dice di essere del terzo pianeta dal sole e Kern gli risponde:
“Il terzo pianeta dal Sole è la Terra su cui ti trovi“.
Tornati a casa, i ragazzi di Jamison stanno accusando Laurie di essere un marziano e di non avere sentimenti. Jeff la getta addirittura a terra. La bambina corre verso casa, sembra sparita ma viene ritrovata subito dopo.

THE HUMAN EQUATION

(Lett.: L’equazione umana) USA 15/10/1955

Cast: Macdonald Carey, Jean Byron, Peter Adams, Herbert Heyes, Tom McKee, Michael Winkelman, George Meader, Elizabeth Whitney, Marjorie Bennett.

Regia: Henry S. Kesler.

Una donna delle pulizie urla e urla ancora mentre un uomo la strangola infastidito dal rumore della sua aspirapolvere. Uno dei vicini riconosce l’uomo come il dottor Finch, e la polizia lo trascina dentro. Lui protesta e si dichiara innocente. La nipote di Finch, Nan, prende il suo arresto abbastanza duramente. Il dottor Seward e il socio di Finch vanno a trovare il Governatore che elenca loro le prove dell’accusa: Finch è stato avvistato sulla scena del crimine, la pelle della vittima era sotto le sue unghie, un pelo sul suo cappotto proveniva dalla vittima, particelle di polvere e fibre di tappeto sono state trovate sui suoi vestiti, ed è stato identificato positivamente da un testimone oculare.
Seward sostiene che i meriti del servizio di medicina legale di Finch dovrebbero consentirgli almeno una pausa per fare approfonditi controlli. Non solo, egli implora il Governatore di non dimenticarsi i milioni di persone che trarranno beneficio dalle sue ricerche future. Tuttavia, Seward non offre nuove prove concrete o contributi alle indagini e così il Governatore lascia Finch nel braccio della morte.
Seward assume la posizione di Finch in laboratorio. Nan non è entusiasta di questo. S’intrufola nel suo ufficio e lo apostrofa:
Il tuo meglio non potrebbe eguagliare il minimo delle abilità di mio zio! Sei un pazzo se pensi di poter sostituire Albert Finch!
Lei lo accusa ulteriormente di aver ricevuto solo vantaggi dalle ricerche di suo zio.
Pur stupito dal comportamento isterico della donna, Seward va a controllare il loro nuovo scienziato, il dottor Clements e gli confessa soddisfatto che non avrebbero potuto trovare una persona migliore per il lavoro. Conferisce anche a Nan il piacere di portare avanti il ​​lavoro di suo zio. Clements sembra sorpreso da questa notizia.
Alla fine della giornata, Seward offre di portare a casa Nan. Sentono un putiferio in laboratorio. Clements è impazzito e ha attaccato un subordinato. Quando Seward interviene, Clements minaccia di ucciderlo. Dopo una leggera difesa, Clements si calma. Seward è sconcertato dall’accaduto:
Cosa significa questo? Risentimento un minuto prima, un saluto allegro un minuto dopo. E ora questo.
Guarda Nan e le chiede:
Che mi dici di te?
La mette di fronte alla sua precedente ostilità, ma lei non ricorda nulla e anzi gli suggerisce che sia lui a comportarsi in modo strano.
Giunta a casa nota che suo figlio Kenny è arrabbiato con lei. Mentre la ragazza sta preparando la cena per loro, Seward nota un livido sul braccio di Kenny. Nan entra e chiede
Chi l’ha fatto?”
E Kenny risponde:
Lo Sai! Sai che l’hai fatto tu!
Il giorno dopo, dopo quella che deve essere stata una cena imbarazzante, Seward va dal dottor Upton, uno psichiatra. Ha bisogno dell’esperienza di Upton per determinare gli effetti di un fungo che hanno sviluppato come antibiotico. Dovrebbe essere più efficace della penicillina.
A poche ore di distanza dall’esecuzione di Finch alla camera a gas, Seward decide di testare il fungo su se stesso. Upton lo lega a una sedia e glielo inietta. Dopo un’ora, il suo battito cardiaco accelera a 10 BPM, le sue pupille si dilatano e lui inizia a sudare. Un’ora dopo, diventa psicotico. Dopo un’altra ora, inizia ad avere visioni. Alla fine, dopo quattro ore, si scaglia violentemente per cercare di liberarsi per uccidere Upton.
Seward e Nan vanno nuovamente dal Governatore per spiegarli che ha potuto dimostrare che Finch ha agito sotto l’influenza del fungo. Giacché hanno nuove prove convincenti e testimoni attendibili, chiama il direttore del carcere per fermare l’esecuzione di Finch…

 TARGET: HURRICANE

(Lett.: Allarme uragano) USA 22/10/1955

Cast: John Bryant, Ray Collins, John Doucette, Margaret Field, Robert Griffin, Gary Marshall, Marshall Thompson, Will J. White.

Regia: Leigh Jason.

Una grossa meteora cade nell’oceano causando un enorme uragano che si scatena sulla Florida. Un meteorologo sta seguendo il devastante processo e, al tempo stesso, si preoccupa per suo figlio che deve passare la notte in campeggio con degli amici.  Intanto il super-uragano bizzarro, più potente che qualsiasi uragano di quanto abbia mai imperversato in precedenza, minaccia la linea costiera di Miami. Poi, proprio quando sembra che Miami sia condannata, un sistema di alta pressione fa risolvere la tempesta in mare dove si disperde nelle acque più fredde. Successivi test rivelano che la meteora, eccezionalmente grande, quando è piombata nell’oceano le cui acque erano insolitamente calde, non sono state in grado di scaricare l’eccesso di calore della meteora (accumulato dall’attrito atmosferico) abbastanza velocemente da impedirne l’esplosione. Le condizioni meteorologiche erano quindi perfette per produrre la super tempesta.

 THE WATER MAKER

(Lett.: Il creatore dell’acqua) USA 29/10/1955

Cast: Virginia Grey, John Mitchum, Craig Stevens, William Talman, Elmore Vincent.

Regia: Herbert L. Strock.

Siamo nella Valle della Morte, il mortale deserto nel quale Charlie sta conducendo David Brooks nel vecchio posto dove viveva Dunlap. Charlie dice che Dunlap è morto una settimana fa, quindi con questo caldo, il ranch dovrebbe essere abbastanza facile da trovare. Questo sorprende Brooks che ha ricevuto un telegramma da lui due giorni prima…
Quando arrivano al ranch di Dunlap, Norman Conway spiega il suo ritardo con il fatto che intendeva prelevare David all’aeroporto, i due entrano per vedere la vedova di Dunlap.
Viene confermato che Dunlap è stato ucciso nell’esplosione di uno dei suoi esperimenti. Sheila ammette di aver mandato quel telegramma a David, ma ha firmato con il nome di John per portarlo qui il prima possibile. Non è felice per l’inganno e progetta di prendere il prossimo volo. Sheila lo incoraggia ad accettare 25.000 dollari per due settimane di lavoro, ma lui rifiuta.
Non gli importa di lei perché John gli aveva detto mesi fa che lei lo aveva lasciato. Sheila ammette di essere fuggita a New York quando i suoi soldi per le sovvenzioni hanno iniziato a scarseggiare. In sua difesa, dice che è tornata una settimana dopo. Ha dato in pegno tutto quello che aveva per ottenere 3.000 dollari allo scopo di finanziare ulteriormente la sua ricerca.
Per complicare ancora di più le cose, viene rivelato che David e Sheila erano una coppia anni fa. E la donna ammette di aver lasciato David per John perché ha fatto più soldi.
Sheila e Norman convincono David a restare per cena e a prendere in considerazione la loro offerta. Norman chiede a David come sarebbe il mondo se si potesse creare l’acqua in tutti i deserti del mondo. Quello era il sogno di John Dunlap e David sta seguendo il lavoro di John fino all’ufficio brevetti. Sheila dice che ha venduto a Norman una quota del 50% per finanziare ulteriormente la ricerca. Offrono a David il 10% ma lui non ne è interessato.
Mentre David si prepara a partire, Sheila gli mostra la ricerca di John. Dopo aver dato un’occhiata alle note, accetta di fermarsi un po’. Il mattino seguente, David chiede a Norman di portarlo nel posto dove John è saltato in aria, ma non trova prove di un’esplosione nel sito. David in seguito dice a Sheila che pensa che John sia stato assassinato. David apprende dallo sceriffo che Norman ha comprato della dinamite poco prima che John saltasse in aria, e ha le ricevute della ACME per dimostrarlo.
David accusa Norman di aver ucciso John per avere i soldi e Sheila per se stesso. Norman punta una pistola contro di loro. Sheila agisce rapidamente e getta acido negli occhi di Norman. I due fuggono nel deserto; e con la fuga sanno che stanno correndo verso morte certa. Norman si asciuga l’acido dagli occhi e li insegue. David è fuggito a mani vuote, ma in qualche modo nel deserto ha improvvisamente una borraccia. Tuttavia, non l’aiuta molto. In pochissimo tempo, sono disidratati e vicini alla morte. Vedono un buco nel fango dove apparentemente John ha eseguito con successo uno dei suoi test. Usano le loro ultime forze per corrervi incontro, ma quello che contiene serve solo a spruzzare il viso. Sentendo arrivare la jeep di Norman i due corrono al riparo ma non restano nascosti a lungo. Ancora prima che Norman li individuasse, David rinuncia al suo nascondiglio riflettendo il sole all’esterno della mensa e negli occhi di Norman. Accecato questi cerca di sparargli comunque, ma lo manca. Quindi ricarica il suo fucile a doppia canna ma David si precipita e riesce a renderlo inoffensivo.

THE UNEXPLORED

(Lett.: L’inesplorato) USA 5/11/1955

Cast: George Crise, George Eldredge, Paul Hahn, Madge Kennedy, Ruta Lee, Osa Massen, Kent Smith, Harvey Stephens.

Regia: Eddie Davis.

Il Middleton College nello Stato di New York è un’istituzione rispettata per l’apprendimento.  Il professor Alex Bondar, insegnante e autorità in parapsicologia, sta per dare una dimostrazione di ipnosi. Ha stabilito che l’anziana signora Canby verrà sottoposta alla immissione di onde sonore attraverso la sua testa a 14.000 cicli al secondo.
In pochi secondi il viso della anziana signora si rilassa e gli occhi le si chiudono L’eccessivamente ottimista Bondar non controlla le sue pulsazioni, ma chiede piuttosto “Signora Canby, mi sente? “Dica ai suoi studenti che non solo non è addormentata, ma alcuni suoi sensi sono più acuti di quando è sveglia”. Uno studente dietro di lei è in possesso di un libro aperto e la donna sorprende la classe essendo in grado di leggerne il testo…
Bondar spiega questa impresa dicendo che sotto ipnosi, la sua mente potrebbe essere più sensibile ai raggi infrarossi. Dice di aver visto la signora Canby descrivere cose che erano molto lontane dalla vista, dove i raggi infrarossi non avrebbero offerto una spiegazione. Lui la sveglia contando lentamente da 10 a 1.
È anche un conto alla rovescia di un tipo diverso dato che Bondar ha un annuncio bomba. Un amministratore del college ha annullato il programma di parapsicologia, definendolo e giudicandolo “senza senso”. Bondar sta per lasciare il College, e non ha nessuna proiezione astrale.
Ha ricevuto una telefonata dalla polizia che il suo collega Dr. Bernhardt Mannheim, proveniente da Montreal per una lezione di parapsicologia, è scomparso da due giorni. Bondar lo descrive come un ometto di circa 70 anni, piccolo, fragile, con capelli bianchi e con pizzetto.
Tornata a casa, Julie Bondar è rattristata dalla perdita del lavoro tranquillo di suo marito. Lei suggerisce che forse se si fosse concentrato meno sulla para- e più sulla -psicologia, potrebbe ancora avere il lavoro. Dice che l’argomento non è mai stato di supporto e considera il suo lavoro “le folli imbronciature dell’idiota di famiglia!”
Quella notte, i Bondar vanno a casa di Dean Henry Stark per il tè e chiedono l’elemosina. Il che Implica che Bondar deve ammettere che il suo lavoro non è granché. Il preside dice: “La scienza spiega cosa succede realmente. Stai cercando di spiegare cose che non sono mai accadute. ”
Mentre sono lì, la polizia chiama con un aggiornamento su Mannheim. Stark afferma di aver cercato di assumere Mannheim per la facoltà. Lo studioso aveva usato la sua carta di credito per comprare benzina a circa 200 miglia da loro, ma poi è scomparso e. Stark ha una brillante idea: perché Bondar non usa la telepatia o la chiaroveggenza per trovare Mannheim?
Bondar è a disagio nel mettere alla prova le sue folli convinzioni come, la scienza. Sostiene che tali abilità non possono essere attivate e disattivate come un rubinetto dell’acqua. Il Decano, abbastanza appropriatamente, lo accusa di non credere davvero in questa roba. Bondar dice che i sensitivi di solito hanno un possesso della vittima con cui lavorare, come fosse un capo di abbigliamento.
Bondar accetta di far venire la signora Canby alle 10 del mattino successivo per cercare di localizzare Mannheim. Julie è di nuovo sul team di Bondar e lui non vuole che lo faccia. Teme che il Decano si prenderà gioco di lui, e gli ricorda che Mannheim lo aveva avvertito che stava buttando via la sua vita. In classe, Bondar accende di nuovo il piatto parabolico puntato sulla testa grigia della signora Canby. Per la gioia di Stark, questa volta le onde sonore le hanno solo fatto male alle orecchie; Usano un metodo che aveva precedentemente funzionato con lei: un metronomo.
Neanche questo però funziona, quindi Bondar cerca di usare la luce come stimolo. Poi fa brillare un punto nell’occhio della signora Canby che poi e anche in quello di Julie senza un motivo apparente. Cercando di mettere la signora Canby sotto ipnosi, Bondar conta lentamente dall’uno al ventinove, ma l’anziana signora sembra impazzire per la pressione che le ha dato l’esperimento e viene portata via. Julie non si è mossa di un pollice. Sembra essere in trance mentre cammina verso suo marito. Non si sente bene e gli chiede di portarla a casa; e di usare la via sul fianco della montagna per prendere un po’ di aria fresca. Poi Julie dice a suo marito di fermarsi a un certo punto, e gli dice di andare giù per la collina e di guardarsi intorno. In fondo a una collina ripida vede la macchina di Mannheim dove si è schiantato tre giorni prima. Le convinzioni paranormali di Bondar sono confermate perché la visione chiaroveggente di Julie lo ha costretto a fermarsi in questo specifico luogo.

THE HASTINGS SECRET

(Lett.: Il segreto di Hastings) USA 12/11/1955

Cast.: Morris Ankrum, Barbara Hale, Bill Williams.

Regia: Jack Herzberg.

È difficile credere che le termiti costino milioni di dollari ogni anno a causa della loro devastazione dei pali telefonici e telegrafici negli Stati Uniti. Nel laboratorio di ricerca centrale della Continental Telephone Company, gli scienziati sono impiegati da questa ditta per sviluppare conservanti chimici per pali telefonici in difesa contro picchi, formiche e termiti.
Bill Twining è venuto alla compagnia telefonica per un lavoro ed è stato assunto
Il padre di Pat, il dottor Hastings, è nell’avamposto di termiti in Perù e aveva chiesto di mandare un esperto di elettronica. L’ultimo rapporto che proveniva da lui era accompagnato da note ammuffite e illeggibili. Pat ne ha fatto un’analisi sulla soluzione, supponendo che fosse un nuovo insetticida.
In un bicchiere di argilla fluviale e aggiunge acqua. Quando aggiunge la soluzione che suo padre ha spedito a loro, causa “la completa dissociazione molecolare!” Ciò vorrebbe dire che l’argilla è stata scomposta nei suoi elementi; Non solo: l’argilla è composta in ferro al 15%, alluminio al 7% e silicio al 20% e i materiali si sono ordinati per peso atomico. Clausen spiega che questo potrebbe rivoluzionare il settore minerario. Potremmo estrarre tutti i minerali di cui abbiamo bisogno dallo sporco comune mescolandolo con questa soluzione. Sfortunatamente, non sanno cosa c’è nella soluzione. Il dottor Hastings è rimasto in isolamento per tre settimane, quindi Pat e Bill si dirigono in Perù. Arrivano nell’avamposto, che è una tenda nella giungla e trovano immediatamente che il generatore è stato spogliato di alcune parti. Pat, nota che il dottor Hastings non ha cambiato il calendario da 22 giorni; non solo, lei sa che suo padre aveva tre paia di occhiali e tutti tre sono nella tenda. Bill ripara la radio. Radio Lima conferma che il dottor Hastings non è andato lì per le forniture e. Pat si chiede se un animale possa averlo portato via. Bill le assicura che non c’era alcun segno di lotta. Bill dice che batterà i cespugli e poi cercherà l’area dove il dottor Hastings operava e suggerisce a Pat di cercare la tenda per trovare indizi sulla ricerca di suo padre. Bill ritorna, non avendo trovato il dottor Hastings. La ricerca di Pat ha rivelato una bobina che produce un campo ad alta frequenza. Portano fuori l’attrezzatura del dottor Harding,. Bill usa la bobina per rilevare l’attività elettronica nell’area ed è in grado di triangolare la posizione: il segnale arriva da 50 piedi all’interno di una collina vicina e sulla sua cima trovano una fessura che conduce a un crepaccio. C’è una scala che conduce a una grotta dove il dottor Harding ha le sue attrezzature. Individuano due dispositivi di visualizzazione e così scoprono una colonia di termiti: i più antichi esseri viventi. La scoperta del Dr. Hastings era quindi una specie di termite che secerne la soluzione che ha spedito al laboratorio. Notano un tunnel che non era negli appunti del dottor Hastings e concludono che le termiti hanno sciamato l’area per crearla. Pat fa una smorfia mentre si rende conto che suo padre è stato mangiato vivo dalle termiti e che dev’essere successo mentre dormiva. Pat continua la ricerca di suo padre, ma le termiti iniziano a sciamare di nuovo. Lei e Bill fuggono dalla grotta che crolla, ma Pat è comunque contenta che suo padre sarà ricordato nelle riviste scientifiche per la scoperta di questa nuova soluzione che sintetizzata rivoluzionerà l’estrazione mineraria aumentando la produzione, abbassando i costi.

NOTA: In Ritorno al futuro (1985), George McFly (Crispin Glover) racconta al suo futuro figlio Marty (Michael J. Fox) che non potrà andare ballo della scuola con quella che diventerà la sua futura moglie Lorraine Baines il 12 novembre 1955 perché altrimenti non potrebbe vedere la sua serie televisiva preferita: Scienza e fantasia (1955). Alla fine partecipa al ballo, mancando l’episodio: questo The Hastings Secret.

CARTOLINE DA BARCELLONA

(Postcard From Barcelona) USA 19/11/1955; Italia 25/12/1958

Cast:  Keefe Brasselle, Charles Cane, Cyril Delevanti, Walter Kingsford, Christine Larsen.

Regia: Alvin Ganzer.

La Fondazione Crenshaw ha a disposizione milioni di dollari da spendere in progetti che riguardano le arti, la scienza e le discipline umanistiche. Il dott. Cole riceve una telefonata e poi, a sua volta dice al dott. Burton che il dottor Keller è morto. Burton risponde che in ogni epoca vive solo un genio del genere: Aristotele, Darwin, Newton… Keller. Cole vuole essere sicuro che nessuno dei suoi lavori vada perso e manda Burton a casa di Keller per catalogare i suoi documenti. Il giorno dopo, Burton va a casa dello scienziato scomparso. Il “servo e compagno per tutta la vita” di Keller, Thatcher, mostra a Burton il laboratorio segreto. Burton è affascinato da un telescopio elettronico. Keller l’aveva usato per scattare foto di corpi celesti più dettagliati che mai e lo scienziato calcola che è 200 volte più potente che qualsiasi telescopio esistente. Una donna irrompe e inizia immediatamente a tormentare Burton. Lo studioso chiede chi sia e lei risponde: “Sono Nina Keller, la figlia del Dr. Charles Keller e tutto qui appartiene a me.” Burton le risponde che Keller non aveva figli. Quando lei insiste a voler prendere i documenti di Keller, Burton la scaccia dal laboratorio poi trova una cartolina da Barcellona con l’equazione PQ – QP = 1H 4. Anche Thatcher era all’oscuro di chi Keller conosceva a Barcellona. Nina torna il giorno dopo con lo sceriffo Olson che ha un mandato per l’arresto di Burton. Il giorno dopo, Burton torna all’Istituto dove stabiliscono che Keller aveva davvero una figlia, e aveva diritto, se non la forza, di buttare Burton fuori di casa. Questi fa osservare che la vera scoperta sono le immagini che Keller ha realizzato con il suo prototipo di telescopio. Ha trovato le fotografie di un asteroide diretto verso la Terra… Burton mostra a Cole la cartolina ed egli riconosce PQ – QP = 1H 4 come teoria sub-quantum di Keller dell’Universo. La cartolina è sospettosamente datata un anno prima che Keller annunciasse la sua teoria al mondo.cartoline da barcellona
La reputazione di Keller sigla un altro successo quando una seconda cartolina da Barcellona viene trovata con un’altra formula come unico messaggio. Cole legge la formula “NA 2 CC 8 CC” e Burton la traduce come “Sodio etilene dibroxide, il nuovo farmaco miracoloso!” Questa cartolina è datata anch’essa un anno prima che Keller annunciasse una grande scoperta. Cole si chiede se sia possibile che qualcuno più intelligente di Keller viva a Barcellona. . .
La già strana vita del Dr. Keller era diventata un enigma avvolto in un mistero per Cole. Entrambi si offrono di aiutare Nina a vendere la storia della vita di suo padre in cambio dei diritti di tutte le scoperte nella sua casa. Cole dice che un editore ha già offerto 300.000 dollari per i diritti senza il loro aiuto. Burton dimostra la sua mancanza di abilità nel negoziare dicendo di non fare niente, di non rischiare nulla e di non sacrificare nulla: “Manteniamo i diritti di tutte le invenzioni che potremmo scoprire nei documenti di tuo padre. Ciò include un telescopio elettronico che è lo strumento migliore del suo genere!
Nina accetta la loro offerta e stanno lavorando nei seguenti tre giorni sul telescopio elettronico per saperne di più sull’asteroide. Alla fine lo localizzano, ma scoprono che non è un asteroide. Cole dice che è un oggetto creato dall’uomo o da qualcun altro che potrebbe essere non umano. All’improvviso perdono di vista l’oggetto e ricevono un messaggio alla radio: Non dite nulla e aspettate Barcellona.
Pochi giorni dopo, arriva una cartolina da Barcellona. L’unico messaggio è un blocco di uno e zero. Cole lo riconosce come “il linguaggio della cibernetica”. Burton alimenta gli 1 e gli 0 in una calcolatrice elettronica. Il messaggio viene tradotto e dice:
Caro amico, questo messaggio da Barcellona ti giunge tramite un intermediario di un altro sistema solare. Abbiamo inserito questa piattaforma spaziale a 1.500 miglia sopra la terra per osservare e studiare il tuo pianeta. Il dottor Keller ha scoperto il nostro segreto, ma ha accettato di non rivelarlo al resto del mondo. Si rese conto che questa conoscenza poteva gettare il panico sul pianeta e un missile guidato poteva essere sparato su di noi. Ha testato la nostra buona volontà e gli abbiamo dato periodicamente delle informazioni che erano vitali per il suo sviluppo scientifico e hanno aiutato il tuo mondo. Ti facciamo la stessa offerta. Non rivelare la nostra esistenza e fra tre mesi riceverai uno sconcertante nuovo concetto scientifico che andrà a beneficio della popolazione della Terra.”
Burton trova che Keller era un uomo ancora migliore di quello che pensavano. Bene ha fatto firmando con il suo nome delle grandi scoperte, ma immagino che il vero valore fosse di mantenerne segreta la vera fonte. Inoltre, stava facendo questo lavoro per una fondazione di beneficenza piuttosto che intascare personalmente i premi.

(Trasmesso dal Programma Nazionale)

FRIEND OF A RAVEN

(Lett.: Amico di un corvo) USA 26/11/1955

Cast: Virginia Bruce, Charles Cane, William Ching, Richard Eyer, Barney Phillips

Regia: Tom Gries.

Jean Gordon e Frank Jenkins camminano fino alla porta d’ingresso dei Daniels. Il figlio è sordo e muto. I due vogliono vedere se la coppia desidera che il figlio vada in clinica. Jean suona il campanello e un ragazzo risponde alla porta con un corvo sul braccio.
L’uccello vola via e Jean chiede se è Timmy. Anche se è sordo e muto il ragazzo annuisce. Jean chiede: “Come sapevi di dover rispondere alla porta?“, E Frank teorizza: “Se me lo chiedi, il bambino sta fingendo.”
Jean domanda ancora “Hai sentito quel campanello, vero?” Tim dice no con la testa. Frank, burbero, aggiunge: “Non puoi stare lì e mentire, ragazzo! Parla quando un insegnante ti parla!
Jean: “So che hai sentito quella campana. Adesso dimmi solo dov’è tuo padre
Quando il ragazzo non risponde, Frank dichiara convinto ” Ora sta cercando di farci pensare che non può parlare. Se fosse mio figlio, gli darei una lezione di buone maniere!
Walter Daniels entra dal campo e Timmy corre da lui. Chiede ai due chi essi siano e Jean risponde che viene dalla Clinica di Stato per non udenti e muti e introduce Frank come ufficiale di controllo.
Walter manda Timmy a giocare e cerca di spiegare le condizioni di suo figlio ai due dicendo loro che Timmy non usa le orecchie ma legge la mente. Allora Jean domanda:
Lei è sicuro che il suo modo di parlare e udire sia compromesso?
Walter risponde che Timmy è stato esaminato.
Non parlerà mai né ascolterà. È senza speranza. ”
Non c’è da stupirsi che Timmy preferisca parlare con gli animali piuttosto che con le persone.
Poi vedono Timmy che con un corvo sulla spalla e un collie, mette il corvo sulla schiena del collie e se ne vanno.
Jean vede le possibilità di Timmy come una ragione in più per metterlo alla prova. Walter ha paura che lo rinchiudano in un laboratorio poi vedono Timmy correre nei boschi e il padre spiega ai due che è perché stavano parlando di portarlo via ma Jean risponde che era troppo lontano per sentirli parlare. Mentre Frank torna al lavoro, Jean aiuta Walter a cercare Timmy. Quando viene bloccata da un serpente, Timmy corre in suo aiuto. Prende il serpente e inizia a coccolarlo. Jean capisce…
Qualche tempo dopo, Jean va a trovare il Dr. Hoster alla Clinica. Il Dipartimento di Stato della Pubblica Istruzione gli ha mandato il rapporto che ha scritto su Jimmy mettendo in discussione le sue folle storie di ESP.
Tre settimane dopo, Timmy ha un intervento chirurgico presso la clinica. Naturalmente, l’operazione ripristina il suo modo di parlare e ascoltare e lo deruba anche delle sue capacità psichiche.

BEYOND RETURN

(Lett.: Oltre il ritorno) USA 3/12/1955

Cast: Zachary Scott, Joan Vohs, Peter Hansen, Tom De Graffenreid,, Alan Reynolds, Dennis Moore, Elizabeth Slifer, James Seay, Kay Faylen, Toni Carroll.

Regia: Eddie Davis.

Si dice che quando il corpo umano è in pericolo, scatta un allarme e dei corpuscoli bianchi si affollano per attaccare la scena dell’infezione.
Il dottor Scott e un gatto entrano nell’ufficio del dottor Bach. Solo una settimana fa il gatto aveva una frattura. È stato curato da una dose del nuovo omone miracoloso di Scott. In uno dei tanti risvolti del dialogo, il Dr. Bach ricorda il precedente successo della droga: La cura miracolosa di un cane rabbioso e di una cavia tubercolotica.
Tuttavia, Bach si rifiuta ancora di permettere di provare la sua nuova droga miracolosa su un essere umano, ma c’è un candidato, un caso senza speranza. Vanno nella stanza di una paziente alle ultime fasi della tubercolosi e che morirà in poche ore. Si chiama Kyra Zelas e accetta di provare il farmaco sperimentale. Nei giorni successivi, l’uomo riacquista la sua vitalità, inizia a mangiare e si mette a sedere sul letto. Scott e Bach esaminati i suoi raggi X e vedono che i suoi polmoni sono completamente guariti. Kyra non sa cosa fare della sua vita ora che il Dr. Scott l’ha guarita.
Bach assicura alla donna rinata due volte che è una ragazza molto importante e le offre di ospitarla per qualche giorno in casa sua in modo da seguire meglio il decorso della cura. Intanto le pratica un’iniezione di vitamina B e nota che la ferita da puntura guarisce immediatamente.
Dopo il lavoro, i medici vanno a casa di Bach per controllare Kyra. In seguito la donna viene prelevata vicino all’ufficio di disoccupazione pochi minuti dopo essere stata derubata, con 700 dollari in tasca.
I medici vanno alla stazione di polizia. L’impiegato dell’ufficio di disoccupazione è in grado di fornire una descrizione del ladro.
Era magrolina, sembrava malata, indossava un vestito blu, capelli neri e folti“.
Vengono portate una serie di donne per l’identificazione e la dottoressa Scott non riconosce nessuna di loro Bach, tuttavia, pensa alla seconda da sinistra e Scott risponde:
“È impossibile, Quella ragazza è bionda e bella.“.
“Ha la stessa struttura ossea della faccia.”
Scott ha ragione. Il preparato miracoloso ha dato alla donna la capacità di cambiare il suo aspetto e le impronte digitali usando la sua volontà.

BEFORE THE BEGINNING

(Lett.: Prima dell’inizio) USA 10/12/1955

Cast: Rachel Ames, Dane Clark, Ted de Corsia, Phillip Pine, Emerson Treacy.

Regia: Alvin Ganzer.

Uno scienziato non sa che sua moglie è gravemente malata mentre lavora per sviluppare una macchina per generare fotoni ad alta energia. Crede che i fotoni, simili a quelli espulsi dal Sole, siano stati l’origine della vita sulla Terra. Quando la sua “pistola fotonica” genera materia vivente, la usa per trattare il sistema endocrino degenerato della moglie con risultati positivi. Ma era la tecnologia o il suo rinnovato amore per la moglie la vera cura?

NOTA: Il dottor Ken Donaldson (Dane Clark) è ossessionato dal suo esperimento di creare molecole organiche per “creare la vita“. Questo episodio televisivo è andato in onda due anni dopo il primo rapporto sull’esperimento Miller-Urey. Miller e Urey prepararono una camera contenente metano, ammoniaca, idrogeno e acqua per simulare l’atmosfera primordiale della Terra. All’interno della camera, la scintilla elettrica ha simulato un fulmine. Questo semplice set-up ha prodotto molte delle molecole base della vita e ha dato credito all’idea della zuppa primordiale sulle origini della vita sulla Terra.

THE LONG DAY

(Lett.: Il lungo giorno) USA 17/12/1955

Cast: George Brent, Steve Brodie, Jean Byron, DeForest Kelley, Carol Thurston, Raymond Bailey, Addison Richards, Bradford Jackson, Michael Winkelman, Michael Garth.

Regia: Paul Guylfoyle.

Al Pecos Proving Grounds, il fisico Robert Barton e Carl Eberhardt stanno lavorando all’operazione Torch. L’obiettivo è illuminare il cielo notturno. Il dottor Smiley è stato inviato da Washington per osservare il test e prevedere se c’è un modo per tassare la nuova illuminazione.
Carl mostra al dottor Smiley il razzo che contiene un metodo “meravigliosamente semplice” per produrre luce. Nel frattempo, nella vicina città di Springdale, il costruttore edile Sam Gilmore è molto turbato dall’ultima persona che ha acquistato un terreno. Un criminale condannato, un avanzo di galera, insomma, pero, in questo modo, si è dimostrato di vedute larghe.
Temendo che i valori delle proprietà crollino, ha intenzione di scacciare Matt Brander, l’ex galeotto in questione ma i suoi partner sottolineano che questo è illegale ma Gilmore raccoglie una mazza da baseball e chiede ai suoi partner di darsi da fare per potersi togliere dai piedi quel “sacco di merda” che ora vive nella loro comunità. Insiste che si uniscano a lui nell’attacco preparato per quella notte, quando nessuno può vedere le loro identità.
Il mattino dopo vediamo Brander e sua moglie in piedi nella loro nuova proprietà. Brander giura a sua moglie che non resteranno senza la loro nuova casa e Gilmore non ha ancora sferrato il suo attacco! Intanto al Pecos Proving Ground, viene lanciato il razzo con successo, tuttavia, questi non ricade

DeForest Kelly in The Long Day

DeForest Kelly in The Long Day

sulla Terra come da programma e, quella notte, Springdale è illuminata da un “Sole sostitutivo”. Washington li istruisce di non autodistruggere il razzo che continua a illuminare il cielo per tutta la notte. Il vecchio Gilmore vede questo fenomeno come un segno e dice al suo gruppo:
Ieri sera stavamo per giocare un brutto tiro. Ma non è diventato buio, vedete! Non si è fatto buio!” La vede come un’opportunità per fare la cosa giusta. Lui rinuncia all’attacco. Per coincidenza, il razzo brucia proprio in quel momento, immergendo Springdale nella normale oscurità notturna, ma cosa ha permesso al sole artificiale di rimanere in cielo per così tanto tempo…?

NOTA: Questa è stata la prima apparizione di DeForest Kelly (1920-1999) in una storia di fantascienza, oltre alla sua precedente apparizione in un precedente episodio, Y.O.R.D., nella stessa serie. In seguito, è passato al ruolo più famoso in Star Trek come Dr “Bones” McCoy.

PROJECT 44

(Lett.: Progetto 44) USA 24/12/1955

Cast: Vicki Bakken, Tom Bernard, Toni Carroll, Doris Dowling, Ken Drake, Biff Elliot, Mary Munday, Bob Nelson, Patsy Parsons, Robert S. Richardson, Amanda Webb, Bill Williams, Mack Williams.

Regia: Tom Gries.

Il dottor Arnold Bryan partecipa al programma spaziale. La sua fidanzata, la dottoressa Janice Morgan non è contenta dei rischi che corre e lui le risponde che è l’ultima volta perché si è dimesso. Tuttavia, riceve un telegramma che deve essere a Washington mercoledì per una conferenza.
Il segretario alla difesa Sturgis annuncia che è stato sviluppato un nuovo carburante che consentirà a un uomo di andare su Marte e tornare. Viene dato un anno per determinare se gli esseri umani possono sopravvivere nello spazio. Se questo sarà possibile, Arnold selezionerà e addestrerà l’equipaggio. Ma Janice non è entusiasta di questo progetto. Tuttavia, Arnold spiega quanto sia importante e le offre un incarico di valutazione dei volontari.
Dopo diversi mesi, lo staff del progetto viene ridotto a otto persone con esperienza in varie discipline scientifiche. Arnold racconta loro i problemi che potrebbero trovare nello spazio come la monotonia e il totale isolamento. Secondo Arnold, il viaggio durerà due anni e mezzo. Sono 8 mesi per arrivarci e 8 mesi per tornare, lasciando 15 mesi per lavorare su Marte. Se la matematica non è un’opinione 8 + 8 + 15 fa 30. Cominciamo bene…
Parla francamente al gruppo dei pericoli che possono intercorrere. Assegna un incarico a Fred Whipple, un vero astronomo, che stima le possibilità di collidere con una meteora ogni 6 anni. Quindi le probabilità sembrano abbastanza buone, almeno da quel punto di vista.
Una delle quattro donne preselezionate alza la mano per fare una domanda:.
Ho quasi paura di chiederlo, ma noi donne siamo incluse solo nei test o partecipiamo totalmente al programma del viaggio su Marte?
Arnold assicura loro che se superano il test andranno su Marte.
Arnold è molto progressista. Sottolinea che le donne sono in grado di lavorare con pressioni diverse, e che le donne si adattano meglio ai cambiamenti drastici di temperatura.
Arnold ricorda ai volontari che hanno firmato un contratto per rimanere single. Tuttavia, il governo ora li sta incoraggiando ad associarsi ad altri membri della missione. Joyce ha ascoltato con disagio l’intera presentazione, ma questo per lei è semplicemente troppo, per cui interviene:
Questo progetto è folle, completamente pazzo!” Lo implora – Il gruppo che hai reclutato servirà solo a buttare via le loro vite. Non sarai un eroe, sarai un pazzo e un lunatico!
Il gruppo viene messo in una piccola cabina per simulare l’ambiente del viaggio spaziale ma cominciano rapidamente a innervosirsi l’un l’altro. Sono sottoposti ad altri test di stress fisico e resistenza. Purtroppo, una delle donne si ritira e uno degli uomini viene espulso per aver sabotato i test. L’equipaggio non è a corto di personale, e così Joyce ritorna e lei e Arnold prendono il loro posto. L’ultima scena li vede partire per Marte.

NOTE: Le sequenze degli astronauti sulla centrifuga, peraltro dei seggiolini da giostra, in una fragile struttura tubolare, sono tratte dalla pellicola del 1953 Attacco alla Base Spaziale U.S. (G.O.G.) di Herbert L. Strock, prodotto sempre dalla Ivan Tors e il razzo che parte, nella sequenza finale è un Bullpup, una versione successiva derivata dalla V-2 tedesca;

Ci sono voluti decenni per convincere le agenzie spaziali che le donne erano perfettamente adatte alla carriera di astronauta. All’inizio la cosa era considerata una stravaganza e la NASA ha ostinatamente chiuso le porte alle donne aviatrici che si erano fatte avanti, dopo avere superato gli stessi test psicofisici dei candidati maschi. Le signore erano 13 e il tutto avveniva all’inizio del progetto Mercury: la loro storia e ben raccontata nel libro Mercury 13 (2004) di Martha Ackmann.

Continua…

L'Autore

Giovanni Mongini

Tra i maggiori specialisti mondiali di cinema SF (Science Fiction) è nato a Quartesana (Fe) il 14 luglio 1944 e fino da ragazzino si è appassionato all'argomento non perdendosi una pellicola al cinema. Innumerevoli le sue pubblicazioni. La più recente è il saggio in tre volumi “Dietro le quinte del cinema di Fantascienza, per le Edizioni Della Vigna scritta con Mario Luca Moretti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *